Mobilitazione spirituale per placare i venti di guerra in Ucraina

Ucraina: Gaeta, la diocesi aderisce alla giornata di preghiera per la pace per fermare “un braccio di ferro pericolosissimo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:42
Ucraina

“Pronto soccorso” spirituale per la crisi in Ucraina. Un braccio di ferro pericolosissimo alle porte dell’Europa, che coinvolge in prima linea i Paesi Nato nel tentativo di scongiurare un’invasione russa. Una nota diffusa dall’arcidiocesi di Gaeta rilancia la giornata di preghiera proposta da papa Francesco. Affinché si plachino i venti di guerra in Ucraina.

Ucraina
Le bandiere della Nato e dell’Ucraina

In preghiera per l’Ucraina

La Commissione diocesana per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso dell’arcidiocesi di Gaeta accoglie l’accorato appello del Pontefice per “le tensioni drammaticamente in corso” tra Russia e Ucraina. L’escalation è costante da settimane. Con la Russia che ammassa truppe ai confini con l’ex repubblica sovietica che si attrezza per il peggio. Un braccio di ferro pericolosissimo alle porte dell’Europa, che coinvolge in prima linea i Paesi Nato nel tentativo di scongiurare un’invasione russa. Ma, nel contempo, non vanno ignorate le preoccupazioni e le istanze dell’interlocutore”, osserva la Commissione diocesana, diretta da don Antonio Cairo.Ucraina

Comandamenti

L’arcidiocesi richiama “la crisi dei missili di Cuba in piena guerra fredda 16-28 ottobre 1962 tra Stati Uniti d’America e Urss”. Che vide l’intervento risolutivo di Papa Giovanni XXIII, che successivamente pubblicherà l’11 aprile 1963 l’enciclica “Pacem in Terris”. La forza della preghiera. I protagonisti della crisi in Ucraina sono entrambi popoli cristiani. Che devono ricordare costantemente i comandamenti “non uccidere” e “non rubare”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.