Home Chiesa Cattolica Le parrocchie svizzere in preghiera per l‘inizio del Mese missionario

Le parrocchie svizzere in preghiera per l‘inizio del Mese missionario

Svizzera, domani a Locarno veglia di preghiera con il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri per l‘inizio del Mese missionario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
preghiera
La preghiera per le missioni unisce le comunità. Domani, all’inizio del Mese missionario, il vescovo di Lugano, monsignor Valerio Lazzeri, presiederà la tradizionale veglia missionaria. Promossa dalla sezione della Svizzera italiana di Missio. Il momento di preghiera, riferisce il Sir, sarà ospitato alle 20 nella chiesa del Sacro Cuore a Locarno. Sarà consegnato il mandato missionario a Sandro e Nadia Augustoni, in partenza per Haiti.

Missionari

Preghiera missionaria

Un secondo appuntamento è organizzato sempre dalla sezione della Svizzera italiana di Missio. Ed è in programma per giovedì 14 ottobre. Alle 20.30 al cinema-teatro di Acquarossa verrà proiettato il film “Due scatole dimenticate–Un viaggio in Vietnam”. La pellicola di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli racconta di una guerra. Della memoria che svanisce. Di una sfida contro il tempo che passa. Due scatole da scarpe piene di negativi fotografici 6×6. Dimenticate per più di cinquant’anni in un vecchio scaffale. Sono state inaspettatamente ritrovate. Nel 1965-66 i registi Lino Del Fra e Cecilia Mangini vissero per tre mesi nel Vietnam del Nord in guerra con gli Usa. Effettuando i sopralluoghi per un film documentario sulla lotta del popolo vietnamita. Deciso a conquistare l’unità e l’indipendenza. Dalla frontiera con la Cina. Fino al confine con il Sud. Filo-statunitense e occupato militarmente dagli americani. Lino e Cecilia esplorarono le città. I porti. I paesi. Le risaie. I fronti di guerra.preghiera

Memoria del Vietnam

Nel tentativo di piegare la resistenza. Al Sud gli americani incendiavano le foreste con il napalm. E al Nord iniziarono a fare terra bruciata con i bombardamenti a tappeto. Di giorno in giorno sempre più vicini alla capitale. Per l’assenza di rifugi antiaerei veri e propri. I due registi furono rimpatriati insieme alle tante delegazioni internazionali. E a tutti gli stranieri presenti ad Hanoi. Quelle bombe americane colpirono anche il loro film. Che non venne più realizzato. Durante tutti i sopralluoghi Cecilia Mangini realizzò un grande reportage fotografico. In gran parte ancora inedito. Dopo oltre cinquant’anni la scoperta delle due scatole dimenticate si rivela l’occasione. Per raccontare quel viaggio in un film che recupera lentamente un filo di memoria. Assemblando parole e immagini. Dimenticate da tanto tempo. La guerra. La resistenza. Il popolo in armi rivive attraverso foto. Scritti. Ricordi. Vuoti di memoria. Per partecipare agli eventi, informa la diocesi di Lugano, sarà necessario essere in possesso del green pass.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.