Sì a 17 chiese cristiane ad Abu Dhabi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:18

Sono 19 i luoghi di culto non musulmani destinati alle comunità residenti ad Abu Dhabi da oltre 33 anni, per i quali sono in corso le procedure di autorizzazione, secondo le norme dell’Emirato. Lo ha rivelato Sultan Alzaheri, direttore esecutivo del Dipartimento di sviluppo comunitario ad Abu Dhabi, in una conferenza stampa organizzata nei giorni scorsi dal dipartimento stesso. L'intervento è stato riportato da Agenzia Fides.

Luoghi di culto

Tra i 19 luoghi di culto in via di autorizzazione, 17 saranno chiese e cappelle a disposizione delle locali comunità cristiane, mentre un tempio sarà destinato alla comunità indù e un altro ai Sikh. In linea con quanto voluto dal defunto Sheikh Zayed Bun Sultan Al Nahian, noto per la sua sensibilità al tema della convivenza inter-religiosa, sono stati organizzati vari incontri con il clero e i rappresentanti delle diverse comunità di fede per definire le misure e le procedure più adatte a garantire la concessione di licenze per la costruzione dei luoghi di culto dove praticare i propri riti religiosi e le proprie liturgie. Alzaheri ha aggiunto che il dipartimento sta lavorando per definire i protocolli legali che regolano l'istituzione e l'organizzazione di tutti i luoghi di culto nell'Emirato di Abu Dhabi, secondo gli standard adottati dal dipartimento, in linea con l’ordinamento giuridico nazionale ispirato alla Legge islamica. Proprio ad Abu Dhabi, lo scorso 4 febbraio, Papa Francesco e lo Sheikh Ahmad al Tayyeb, Grande Imam di al Azhar, hanno sottoscritto il Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune: vita, famiglia, il senso religioso, l'onore per gli anziani, l'educazione dei giovani quali valori che, pur nella diversità delle culture e delle tradizioni, sono apprezzati e tutelati sia dal mondo islamico che da quello cristiano.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.