A Lione storia, carisma e spiritualità della Pontificia Opera della Santa infanzia

Esperienza di comunione ecclesiale a misura di bambino: la testimonianza di Suor Roberta Tremarelli all'Assemblea generale POM

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
infanzia

Suor Roberta Tremarelli è segretario generale della Pontificia Opera della Santa Infanzia. La religiosa è intervenuta a Lione all’Assemblea generale delle Pontificie Opere Missionarie. “Le POM e quindi l’opera della Santa Infanzia aiutano a far scoprire e vivere l’esperienza dell’appartenenza alla Chiesa universale. E quindi la responsabilità che ne scaturisce, in virtù del battesimo. Siamo membra di un unico corpo. afferma suor Roberta Tremarelli-. Il motto dell’Opera è ‘i bambini aiutano i bambini, i bambini pregano per i bambini‘. Ciò evidenzia il legame tra bambini di vari paesi grazie alla preghiera. Alla fede. All’amicizia con Gesù che li mette in comunione tra di loro. Parliamo della comunione ecclesiale che nasce dall’incontro con Gesù. E di cui i bambini possono fare esperienza anche grazie al carisma e alle proposte dell’Opera”.

etica

Al servizio dell’infanzia

“Storia, carisma e spiritualità dell’Opera della Santa infanzia” è il tema degli incontri online promossi per gli animatori della Colombia. Del Brasile. Dell’Honduras. Del Messico. E dell’Ecuador. I destinatari dell’animazione e formazione sono i catechisti. Gli insegnanti di religione. Le religiose. I sacerdoti. E i genitori. Non solo i bambini. L’obiettivo è seminare, accompagnare, educare, formare e aiutare a discernere le vocazioni missionarie ad gentes. Suor Roberta Tremarelli sottolinea che  “la fiducia reciproca, la trasparenza e la collaborazione sono alla base della nostra missione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.