Sacerdote aggredito con l'acido da una femminista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:17

Don Mario Guevara, vescovo ausiliare dell'Arcidiocesi di Managua, è stato aggredito mentre stava confessando. Ad assalirlo è stata una femminista di origini straniere, Elis Leonidovna Gonn che gli ha lanciato addosso dell’acido solforico.

L'attacco

La donna è stata fermata dai fedeli presenti e successivamente arrestata dalla polizia della Direzione del Legal Aid. Anche altre cinque persone sono state raggiunte dal liquido gettato dall'estremista. Il sacerdote ha riportato gravi ustioni sul viso e sul corpo ed è stato trasportato d'urgenza all'ospedale “Vivian Pellas” dove è ancora ricoverato. Le sue condizioni di salute sono stabili. 

Le reazioni

L'Arcidiocesi di Managua ha reagito all'aggressione con un post pubblicato sul profilo Twitter di don Silvio Báez: “Profondamente e con grande tristezza rimpiango la grave aggressione commessa oggi contro padre Mario Guevara nella cattedrale di Managua. Lo accompagno con l'amore fraterno e offro le mie preghiere per la sua guarigione totale. Gesù e sua Madre Benedetta proteggano i nostri sacerdoti!”.

Le condizioni

Sempre don Silvio Báez ha fornito aggiornamenti sulle condizioni del sacerdote aggredito dopo un breve colloquio avuto con lui: “Ho appena parlato con don Mario Guevara, che è stato attaccato oggi con acido solforico mentre confessava. Ha subito ustioni sulla nuca, una guancia, le braccia e un occhio. È stabile e calmo. Le ustioni non sono molto serie grazie a Dio e saranno sottoposte a un trattamento medico”.

La solidarietà

L'attacco ha suscitato l'indignazione della comunità cattolica locale e anche della Camera di commercio del Nicaragua. L'Amcham – questo il nome dell'organizzazione – ha condannato l'episodio, diramando un comunicato in cui si legge: “Condanniamo l'attacco al prete Mario Guevara perpetrato nella cattedrale di Managua oggi pomeriggio. Riaffermiamo il nostro sostegno alla Conferenza episcopale del Nicaragua e ai suoi membri”.

L'aggressore

Alcune fonti riportano che la femminista arrestata sarebbe legata a gruppi attivi nella promozione dell'aborto. L'aggressione è arrivato solo due giorni dopo che un uomo ha pubblicato sui social un video in cui rivolgeva minacce contro cardinale del Nicaragua Leopoldo Brenes “e chiunque sia cattolico”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.