Giornalismo: “Premio Angelo Narducci” a don Maurizio Patriciello

Verrà consegnato sabato 31 luglio, nell’ambito della 45ª Festa di Avvenire a Lerici, il “Premio Angelo Narducci” a don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano e simbolo della lotta nella Terra dei fuochi.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:57
Chiesa
Don Maurizio Patriciello, sacerdote nella Terra dei fuochi

Verrà consegnato sabato 31 luglio, nell’ambito della 45ª Festa di Avvenire a Lerici, il “Premio Angelo Narducci” a don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano e simbolo della lotta nella Terra dei fuochi.

Il programma della premiazione

Ecco il programma della manifestazione, riportato dal Sir. Alle 17.30, il sacerdote sarà intervistato da Alessandro Zaccuri, giornalista di Avvenire. Alle 18.30, nella chiesa parrocchiale di San Francesco, il vescovo della Spezia-Sarzana-Brugnato, mons. Luigi Ernesto Palletti, presiederà la messa concelebrata da don Patriciello.

Al termine la consegna del Premio, assegnato dal 1989 in memoria di Angelo Narducci che fu direttore di “Avvenire” per oltre un decennio, dall’ottobre 1969 all’aprile 1980.

Nel corso degli anni, il riconoscimento è stato attribuito, tra gli altri, a mons. Ersilio Tonini, Mario Agnes, mons. Gianfranco Ravasi, Vittorio Citterich, Luigi Accattoli, mons. Giuseppe Cacciami, Ettore Bernabei, Mario Agnes, Andrea Riccardi, Pupi Avati, Giuseppe De Rita, Giuseppe De Carli, mons. Giancarlo Maria Bregantini, padre Federico Lombardi, mons. Claudio Maria Celli, mons. Domenico Pompili, Antonio Paolucci, padre Giulio Albanese, Susanna Tamaro, Ernesto Olivero, Chiara Amirante.

Le congratulazioni del direttore e della redazione

All’unanime coro delle congratulazioni per questo importante riconoscimento a don Patricello si uniscono anche il direttore don Aldo Buonaiuto e la redazione tutta di In Terris.

Don Aldo Buonaiuto e don Maurizio Patriciello

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.