Aifa approva Moderna per 12-17enni. Cts: “Profilassi fa crollare i ricoveri”

CTS: "Importante vaccinare i giovani, anche loro sono a rischio. I morti per Covid under 19 anni sono stati 28; zero per il vaccino"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:46
Moderna

La Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha approvato l’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (noto anche come Moderna) per la fascia di età tra i 12 e i 17 anni, accogliendo pienamente il parere espresso dall’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA). Secondo la CTS, infatti, i dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino anche per i soggetti compresi in questa fascia di età.

Abrignani (Cts): “Vaccinazione riduce rischio di ospedalizzazione e morte”

La vaccinazione anticovid è l’arma vincente. A rimarcarne l’importanza è il membro del Comitato tecnico scientifico Sergio Abrignani, direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare “Invernizzi”.

“Premesso che il rischio zero in medicina non esiste e che sta circolando una variante estremamente contagiosa, la Delta – afferma -, la vaccinazione riduce in modo impressionante sia il rischio di ospedalizzazione e morte, che il numero di contagi. Dunque anche le possibilità di trasmettere il virus”. E “non possiamo confidare nella stagionalità o nell’esaurimento naturale dell’infezione”.

“A livello globale – ricorda Abrignani – abbiamo superato i 3 miliardi e mezzo di dosi somministrate contro il Covid. Gli eventi avversi sono stati limitati, pensiamo alle trombosi rare collegate ai vaccini a vettore virale per le quali le Agenzie regolatorie hanno cambiato la destinazione per fasce di età”.

“Importante vaccinare i giovani, anche loro sono a rischio”

Anche per i giovanissimi è importante la vaccinazione. “I rischi legati a Covid nei bambini non sono pari a zero: in questo anno e mezzo i morti tra 0 e 19 anni sono stati 28, secondo dati dell’Iss. Con i vaccini possiamo evitare che se ne aggiungano altri. I minori con fragilità sono per fortuna pochi (pensiamo per esempio ai pazienti oncologici), ma non dimentichiamo che in Italia circa un bambino su dieci è obeso (9,4%) e l’obesità rappresenta uno dei fattori di rischio per le forme gravi di Covid”.

E ricorda che “nessun ragazzo è morto a causa del vaccino Covid mentre, come vediamo per esempio in Indonesia, il virus uccide anche in quelle fasce di età. Secondo un’analisi dei Cdc, un milione di dosi di vaccino Pfizer possono evitare, nella fascia 12-29 anni”, sottolinea il professore, “12 decessi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.