Pedofilia, don Di Noto: “Riconoscere che è un crimine contro l’umanità”

Di Noto: "E’ responsabilità di tutti partire da una semplice constatazione: definire che la pedofilia è un crimine contro l’umanità"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:29

400mila pedofili. Ma sono decine di milioni in Europa e nel mondo. Sembra che a nessuno inquieti questo dato, si percepisce ancora come è bene che sovrasti il silenzio, l’oblio della notizia, la lobby della indifferenza. Pochi, molto pochi quelli che timidamente hanno scritto la notizia di cronaca e hanno ‘commentato’ il fatto che in questo sofferto mondo ci sono i pedofili, aggressori di innocenza”.

Lo afferma don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente dell’associazione Meter, con riferimento all’individuazione di 400mila pedofili, resa nota il 3 maggio, spiega, “dagli Uffici federali tedeschi della lotta alla criminalità su Internet (Zit) e anche dalla Polizia criminale (Bka) che hanno condotto le indagini su alcuni soggetti residenti in Germania; una piattaforma online gestiva la pedopornografia allocata nel darkweb” e alimentata “da centinaia di migliaia di utenti”.

Di Noto: “Stiamo fallendo sulla protezione dei bambini”

Abbiamo fallito, stiamo fallendo in merito alla protezione dei bambini – scrive il sacerdote in una nota -, la loro tutela è già un fallimento se dati internazionali dicono che nel mondo ci sono più di 1 miliardo e 300/400 milioni di minori che subiscono abusi sessuali, aggressioni, maltrattamenti, violenze. Solo in Europa sono 18/19 milioni i minori che hanno subito violenza sessuale”.

La piaga della pedopornografia online

Per non parlare della pedopornografia online: “basta solo consultare il Report Meter 2020: una vergogna planetaria dove non si agisce adeguatamente” mentre pedofili e pedopornografi “continuano nel loro turpe traffico e reclutamento dei bambini”.

La pedofilia e la pedopornografia “sono un crimine” e un “tragico fenomeno globale”, sottolinea Di Noto, così come la “infantofilia”, eppure i pedopornografi “vivono e trafficano impunemente in tutto il mondo”. “E’ responsabilità di tutti”, conclude il sacerdote indicando la necessità di “partire da una semplice constatazione: definire che la pedofilia è un crimine contro l’umanità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.