Il Papa non andrà a Glasgow alla Cop26 sul clima: ci sarà il card. Parolin

Stamani il Santo Padre ha ricevuto in udienza al Palazzo apostolico vaticano il primo ministro della Repubblica di Malta, Robert Abela

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11

Contrariamente a quanto era stato ipotizzato, Papa Francesco non andrà a Glasgow per la Cop26 sul clima. “Rispondendo alle domande dei giornalisti circa la partecipazione della Santa Sede alla sessione della Conferenza delle Parti alla Convenzione-Quadro dell’ONU sui cambiamenti climatici (COP26), prevista a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre, posso precisare che la Delegazione sarà guidata da Sua Eminenza Rev.ma il Card. Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità”, ha dichiarato oggi il direttore della Sala stampa vaticana, Matteo Bruni.

Parolin
Il card. Pietro Parolin

Il Papa ha ricevuto oggi il premier maltese Robert Abela

Stamani il Santo Padre ha ricevuto in udienza al Palazzo apostolico vaticano il primo ministro della Repubblica di Malta, Robert Abela, con la moglie e il seguito. Il colloquio privato tra i due nella Sala della Biblioteca è durato 25 minuti.

Dopo la presentazione della delegazione maltese, allo scambio dei doni il premier Abela ha offerto al Pontefice un’icona raffigurante San Paolo e San Publio, con la relativa spiegazione. Quindi alcune coperte, destinate a bisognosi e senza tetto, che esemplificano un’iniziativa di solidarietà portata avanti dal primo ministro e dalla sua famiglia.

Il Papa ha ricambiato con una fusione in bronzo raffigurante due mani che si stringono, sullo sfondo del colonnato di San Pietro, con una donna con bambino e una nave di migranti e la scritta “Riempiamo le mani di altre mani”. Inoltre con i volumi dei documenti papali, il Messaggio per la Giornata della Pace di quest’anno e il Documento sulla Fratellanza Umana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.