Nel segno del Sinodo: l’impronta dei fedeli sull’assemblea di Padova

Diocesi di Padova, il “voto popolare” sul logo del Sinodo diocesano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Padova

La Chiesa di Padova si prepara all’incontro. Prosegue il percorso di preparazione al Sinodo diocesano. Dopo l’Indizione avvenuta in Cattedrale a Padova. E prosegue il lavoro della Segreteria del Sinodo e della Commissione preparatoria. Chiamata a individuare i temi che l’Assemblea sinodale dovrà affrontare durante i lavori. La proposta del Sinodo è stata illustrata in diverse zone della diocesi. E si è avviata la sensibilizzazione nelle parrocchie. Per attivare in autunno gli “spazi di dialogo” della fase di “primo ascolto”. Ma il lavoro non si ferma neanche d’estate. Inclusa la scelta del logo.Padova

Sinodo in preparazione

Una scelta aperta tra due proposte. Realizzate insieme dalle grafiche Elena Fattorelli e Daniela Thiella. Entrambi i loghi sottoposti al “voto popolare” partono da quello della Chiesa di Padova. E ne sono un’evoluzione. Proprio per sottolineare da un lato la continuità. Tra l’evento “Sinodo” e il cammino ordinario della Chiesa diocesana. Dall’altro l’elemento di novità. Le due proposte possono essere votate sul sito della diocesi di Padova fino al 22 agosto. Il logo che registrerà maggiori preferenze sarà scelto come simbolo identificativo per il percorso sinodale. E per tutte le attività connesse dei prossimi anni.Padova

La scelta

Nel primo logo si vede Un filo che esce, che si apre e va verso il nuovo. Ma anche un tratto di penna per scrivere il futuro. In un’evoluzione dinamica e gioiosa. Nel secondo logo i cerchi concentrici, nucleo stabile della Chiesa, si aprono verso l’esterno. Indicando un percorso che si schiude all’innovazione e al cambiamento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.