Mons. Pompili: “La ricostruzione è vera quando evita frasi fatte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

Dopo la veglia notturna, con fiaccolata e rintocchi delle campane, ad Amatrice alle 11 è iniziata la celebrazione della S. Messa presieduta dal vescovo mons. Domenico Pompili, per ricordare le vittime del devastante terremoto di un anno fa, alla presenza, tra gli altri, del presidente del consiglio Gentiloni, dell’ex capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Folla commossa

Di fronte a una folla commossa il vescovo ha ricordato nella sua breve omelia che “E’ passato solo un anno, ma sembra una vita. Secondi interminabili hanno polverizzato legami e ambienti, svelando al contempo un coraggio e una resistenza che non immaginavamo. Fare un bilancio è possibile, ma rischia di essere provvisorio. Ciò che conta è ritrovare la linea dell’orizzonte. Il libro dell’Apocalisse – ha aggiunto mons. Pompili citando le letture liturgiche odierne – la identifica con ‘una città che scende dal cielo’. L’immagine evocata non vuol dire attendere dall’alto, ma sapere che c’è un destino positivo verso cui siamo attratti. Chi vive rasoterra diventa presto miope e si lascia sopraffare dalla rassegnazione. Per rinascere, però, non basteranno eroi solitari. Anzi, a dirla tutta, una comunità senza eroi è una comunità eroica. È la fuga dalla propria quota di impegno, infatti, che lascia le macerie dove sono; impedisce di ritornare; abbandona i più. Qui non si tratta di attribuire colpe a qualcuno o distribuire medaglie a qualcun altro, ma di fare quello che ci spetta. Per concludere evangelicamente: ‘Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare'”.

La vera ricostruzione

E prendendo ancora spunto dal Vangelo del giorno, nella festa dell’apostolo Bartolomeo, elogiato da Gesù come “un israelità in cui non c’è falsità”, mons. Pompili ha lanciato un richiamo forte alla politica e alle autorità, sottolineando che “la ricostruzione sarà vera o falsa. È falsa quando procediamo alla giornata, senza sapere dove andare. Mi chiedo: siamo forse in attesa che l’oblio scenda sulla nostra generazione per lasciare ai nostri figli il compito di cavarsela, magari altrove? Rinviare non paga mai. Neanche in politica, perché il tempo è una variabile decisiva. La ricostruzione – al contrario – è vera quando evita frasi fatte (‘Ricostruiremo com’era, dov’era’) e chiarisce che ricostruire è possibile. Ma non l’identico, bensì l’autentico. L’identità di un borgo storico è sempre dinamica e la storia non torna mai indietro. Ricostruire vuol dire sempre andare avanti. Anche Amatrice allora rinascerà. Ma è bene che conservi perfino le ferite, perché da quelle le future generazioni apprenderanno che la città, più che dalle sue mura e dalle sue vie, è fatta dall’ingegno e dalla passione di chi la edifica”. Parole che il premier Gentiloni farebbe bene a tenere presenti.

Imparare a rinascere

“Lasciamoci ispirare dal cielo che ci circonda e invita ad allargare l’orizzonte, ad alzare lo sguardo rispetto alle nostre preoccupazioni immediate e ai nostri pregiudizi istintivi – ha concluso mons. Pompili – Allora ci sorprenderemo a vivere, tra qualche anno, in un contesto che credevamo di conoscere, ma non aveva ancora svelato tutta la sua bellezza. Non basta nascere, bisogna imparare a rinascere. Questa è la fede. Ma anche la ricostruzione che verrà, se verrà”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.