Il tifone Hato colpisce Macao e Hong Kong: 12 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32

Parla di dodici morti e centinaia di feriti tra Macao, Hong Kong e la Cina continentale, il bilancio del tifone Hato che ha colpito il sud est del Paese. Inoltre, la violenza della perturbazione ha causato migliaia di sfollati. I meteorologi della Cina hanno già comunicato che il tifone Hato è l’evento atmosferico peggiore degli ultimi 50 anni.

Danni maggiori a Macao e Hong Kong

L’evento atmosferico si è abbattuto con particolare violenza ad Hong Kong, dove è stato segnalato il massimo livello di allerta, e a Macao, con strade alluvionate, alberi divelti e ingenti danni a negozi ed edifici. Nella regione amministrativa speciale, si sono verificati interruzioni di corrente, anche nei suoi famosi casinò e in un ospedale che è stato costretto a ricorrere all’utilizzo dei generatori di emergenza. A Hong Kong, invece, il tifone ha causato la chiusura di imprese private, uffici governativi, scuole e anche del mercato azionario. Problemi anche negli aeroporti, dove le compagnie hanno cancellato 450 voli. Gli operatori portuali hanno sospeso il servizio traghetti. Per precauzione le autorità hanno disposto la sospensione della circolazione ferroviaria e i pescherecci sono stati richiamati in porto dopo la segnalazione di onde che hanno raggiunto gli 8-10 metri di altezza.

Il tifone Hato

Il tifone Hato ha fatto landfall sulla costa sudorientale della cina come tifone di categoria 2, portando piogge torrenziali e forti raffiche di vento che hanno raggiunto la media dei 125 chilometri orari, ma con picchi che hanno raggiunto i 200 chilometri orari. Nelle ultime ore, il tifone Hato si sta spostando nell’entroterra verso ovest, dove dovrebbe perdere progressivamente potenze fino a declassarsi a tempesta tropicale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.