La Chiesa in Iraq tra vocazione missionaria e patrimonio liturgico

Patriarcato caldeo: l’uso dell’arabo nella liturgia non è un “tradimento” della Tradizione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:44
Iraq
Celebrazione della Messa nella Chiesa dell'Immacolata sottratta dal sedicente stato islamico a Qaraqosh, vicino Mosul, Iraq, 30 ottobre 2016 - Foto © Ahmed Jadallah per Reuters

L’Iraq è per la Chiesa universale un laboratorio missionario nel rispetto della tradizione. Il grande teologo Jean Corbon era appassionato del cristianesimo d’Oriente e delle Chiese arabe, in ogni autentico rinnovamento liturgico compiuto nel solco della Tradizione si ritrova e si ripete “il mistero della sorgente. Essa è sempre la stessa, ma l’acqua viva che ne sgorga è sempre nuova”.

Caldei in Iraq

L’uso della lingua araba nelle liturgie della Chiesa caldea non è un tradimento della tradizione. E risponde alla vocazione missionaria di annunciare la salvezza di Cristo agli uomini e alle donne del tempo presente. Con questi argomenti il Patriarcato caldeo risponde alle critiche mosse da alcuni circoli della diaspora caldea contro l’aggiornamento liturgico avviato dal Patriarca Louis Raphael Sako e dai vescovi caldei. Che ha portato anche alla pubblicazione di una versione in arabo del Messale. In una nota rilanciata dall’agenzia missionaria vaticana Fides, il Patriarcato caldeo evidenzia che il costante aggiornamento liturgico, secondo le esigenze dei tempi, ha sempre connotato il cammino della Chiesa cattolica. Ed è stato autorevolmente riproposto anche dagli insegnamenti del Concilio Vaticano II.Iraq

Il mondo è cambiato

Ma i critici delle recenti riforme  “non si rendono conto che il mondo è cambiato, che molti tra gli stessi caldei non conoscono il siriaco né il caldaico”. E che anche tanti non cristiani (compreso un numero crescente di musulmani) mostrano interesse per le liturgie della Chiesa caldea. E “hanno il diritto di comprendere ciò che ascoltano”. L’autorità ecclesiastica, rassicura la nota del Patriarcato caldeo, sa distinguere tra i dati essenziali originali della liturgia caldea e gli elementi posticci che sono stati aggiunti nel corso della storia. E il criterio seguito è sempre quello di comunicare alle persone la ricchezza del patrimonio liturgico nel linguaggio che può essere da loro compreso. Mentre a volte, chi si oppone a ogni aggiornamento delle forme liturgiche non ha alcuna autentica familiarità con l’origine dei riti. Con la teologia che essi esprimono e il ricco tesoro che essi rappresentano per la santificazione e la salvezza delle anime.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.