Il Papa fa costruire delle docce per i clochard a San Pietro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:31

Papa Francesco ha disposto di realizzare, sotto il colonnato di San Pietro, tre docce per i senzatetto all’interno dei bagni per i pellegrini. Lo ha riferito il sito Vatican Insider riportando un’intervista all’elemosiniere pontificio mons. Konrad Krajewski. “La basilica esiste perché custodisce il Corpo di Cristo – ha osservato il prelato – e nei poveri noi serviamo il corpo sofferente di Gesù. Da sempre, nella storia di Roma, attorno alle basiliche si radunavano i poveri”. I lavori in Vaticano, che inizieranno lunedì 17 novembre, fanno parte di una serie di iniziative estese anche a una decina di parrocchie romane nei quartieri più frequentati dai clochard dove verranno istallate delle docce, con tanto di servizio di biancheria, pagati con la “carità del Papa”.

Mons. Krajewski ha illustrato come è nata questa proposta a favore dei tanti poveri che vivono in strada e rischiano costantemente di ammalarsi di patologie che si trasmettono con la sporcizia. “Ero appena uscito dalla chiesa di Santo Spirito, dove vado a confessare – ha chiarito raccontando un episodio avvenuto i primi di ottobre –. In via della Conciliazione ho incontrato Franco, un senza tetto. Mi ha detto che proprio quel giorno compiva cinquant’anni e che da dieci vive per strada”. L’elemosiniere pontificio allora ha invitato a cena in un ristorante il clochard che però ha replicato: “Padre, a non posso venire con te al ristorante, perché puzzo”. “L’ho portato lo stesso con me – ha continuato mons. Krajewski –. Siano andati a mangiare cinese. Mentre eravamo a tavola, mi ha spiegato che a Roma qualcosa da mangiare si trova sempre. Quello che manca sono i posti dove lavarsi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.