Sulle orme di Francesco per purificare e rafforzare la Chiesa

Un libro d'inchiesta in nome della trasparenza invocata da Papa Francesco per la Chiesa. Esce in libreria il 23 novembre "Il velo del silenzio" del vaticanista Salvatore Cernuzio (edizioni San Paolo)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Francesco

In nome della trasparenza invocata da Papa Francesco per la Chiesa. Esce in libreria il 23 novembre “Il velo del silenzio” di Salvatore Cernuzio (edizioni San Paolo).La prefazione è di suor Nathalie Becquart, sottosegretaria del Sinodo dei Vescovi.Francesco

Nel segno di Francesco

Il libro offre anche degli spunti sui percorsi di “rinascita”. Quindi sugli strumenti del Diritto canonico. O della psicoterapia. In supporto e a tutela delle consacrate. Oppure sulle iniziative all’interno della Chiesa. Per aiutare queste donne a riprendere la vita in mano. E ad andare avanti. A volte anche ricominciando il cammino religioso.Francesco

Casa

Il libro apre spiragli di luce su una grave problematica interna alla vita consacrata femminile. E cioè gli abusi all’interno di ordini. Monasteri. E istituti. Ciò porta donne e ragazze a spegnere il fuoco della vocazione. E abbandonare il percorso religioso intrapreso, anche dopo anni. A raccontarlo nel libro d’inchiesta sono loro stesse. Suore o ex suore che stanno per lasciare o hanno già lasciato quella che per anni è stata la loro “casa”.Francesco

Coraggio di reagire

E’ il racconto di ciò che hanno subito. Mobbing. Ricatti. Manipolazioni. Discriminazioni in base alla nazionalità. Violazione del foro interno. Ossia dei segreti della propria coscienza. Problemi di salute sottovalutati. O usati come pretesto per l’emarginazione. Il volume raccoglie le testimonianze di donne di tutto il mondo e di diverse età. Dopo anni di silenzio hanno deciso di far sentire la loro voce. In modo da poter aiutare chi ancora non ha il coraggio di reagire.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.