Home Chiesa Cattolica Più formazione per animare le comunità. Ad Assisi il Progetto Policoro

Più formazione per animare le comunità. Ad Assisi il Progetto Policoro

Monsignor Battaglia (arcivescovo di Napoli) agli animatori di comunità: "Siate artigiani di cambiamento”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Formazione

Formazione per gli animatori di comunità. E’ indispensabile “fare qualcosa ma soprattutto con qualcuno. Essere presenti significa dire ‘mai senza di te‘”. Essere “artigiani di cambiamento”. È l’esortazione rivolta da monsignor Mimmo Battaglia. L’arcivescovo di Napoli si rivolge ad Assisi ai partecipanti al 40° corso di formazione nazionale degli animatori di comunità. Per il Progetto Policoro. Il presule evidenzia con convinzione che una diocesi senza il Progetto Policoro è una diocesi povera di sogni. “Occorre una Chiesa più che assertiva, discepola di fragilità“, sostiene monsignor Battaglia. Per questo “bisogna credere in noi stessi e nella bellezza interiore. Perché c’è un Dio che scommette su di noi“.Formazione

Centralità della formazione

Spazio anche alla performance teatrale ispirata alla vita di don Lorenzo Milani. Il monologo, coinvolgente e appassionante, è stato poi arricchito anche dalla testimonianza di Sandra Gesualdi. Figlia di uno degli allievi di don Milani nella scuola di Barbiana. Il cui segreto consisteva nella capacità di dare dignità all’essere umano. In tutta la sua complessità e diversità”.Formazione

Appello

Un appello a confidare in Dio e non chiudere il cuore. Gli animatori di primo anno hanno ricevuto il mandato. Quale momento simbolico di avvio di un cammino pieno di sfide e anche incertezze. Ma che si affronta “sempre insieme, accompagnati e sostenuti“. Una “sfida” che diventa fiducia in se stessi e negli altri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.