Caritas, la cultura del dono nella campagna sociale “Raccolta farmaci solidali”

Ecco i risultati della campagna sociale condotta in sinergia da Afas-Farmacie comunali e Caritas di Perugia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
farmaci

Farmaci per chi non può permetterseli. “Segno di una ‘rete’ importante che stiamo costruendo. Per puntare sempre più a camminare insieme a servizio di tutti i fratelli poveri. Grazie all’aiuto delle farmacie comunali. E dei nostri volontari che hanno contribuito a creare, durante la raccolta dei medicinali, la cultura del dono”, spiega al Sir il direttore della Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve. Don Marco Briziarelli presenta la campagna sociale “Raccolta farmaci solidali”. Condotta in sinergia da Afas-Farmacie comunali e Caritas di Perugia.farmaci

Raccolta farmaci

Alla presentazione dell’iniziativa sono intervenuti anche il presidente Afas, Antonio D’Acunto. Il direttore generale Afas, Raimondo Cerquiglini. E Paolo Rellini, cofondatore della piattaforma Regusto. Un brand della start up Recuperiamo s.r.l.  La campagna Afas-Caritas di Perugia rappresenta il primo caso pilota a livello nazionale. Con una donazione di farmaci tracciata. Digitalizzata. E resa trasparente attraverso il modello innovativo di “sharing for charity”. E alla tecnologia blockchain fornita dalla piattaforma Regusto. A marzo 2021 è stata avviata la “Raccolta farmaci solidali” da banco e alimenti per l’infanzia. Da allora sono stati donati dalla clientela Afas prodotti per complessivi euro 22.713,58. 59,9% di farmaci. 36,6% di latte, omogeneizzati e creme. 3,5% di prodotti per l’infanzia non-food come i pannolini. “Al di là degli obiettivi raggiunti- evidenzia il direttore Caritas– c’è stata una risposta importante nella crescita della cultura del dono. Mai come oggi abbiamo bisogno di sentirci tutti animati alla carità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.