In Etiopia “mancano cibo, acqua, coperte”. Grido d’allarme delle suore di Shire

Le suore di Shire invitano a tenere alta l’attenzione sulla grave situazione umanitaria in Etiopia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Etiopia
La regione autonoma del Tigrè, in Etiopia

Sos Etiopia. A lanciare l’allarme sono le Suore della Carità di Santa Giovanna Antida presenti a Shire. “Mancano di cibo. Acqua. Servizi igienici. Coperte per la fredda stagione delle piogge ormai imminente”, spiegano a Fides. Sono migliaia i rifugiati provenienti dalle zone limitrofe. E fuggiti alla furia dei combattimenti nei mesi scorsi. Si radunano nelle scuole statali della città. Dove vengono monitorati e assistiti da alcune organizzazioni internazionali. Ma sono privi di ogni bene di prima necessità.Etiopia

Allarme Etiopia

Spiegano le religiose all’agenzia missionaria vaticana: “Si teme il dilagare di epidemie. Oltre al Covid. Il cui contagio sta aumentando in Etiopia. E di altre malattie. Legate a queste gravi carenze.” Le suore esprimono la loro preoccupazione per il perdurare della situazione difficile. La popolazione del Tigray (e in particolare di Shire) è duramente provata.Etiopia

Conflitto armato in Tigray

“È importante tenere alta l’attenzione sulla situazione umanitaria della regione. E continuare a pregare per questa terra martoriata”, avvertono le religiose. Decine di migliaia di morti. Quasi due milioni di sfollati. 4,5 milioni di persone che necessitano di aiuti umanitari. 5 mila minori separati dai loro genitori. Costretti a vivere in stanze sovraffollate. Insieme ad adulti sconosciuti. Senza protezione. Esposti a violenze di ogni genere. Questo il quadro. A sei mesi dall’inizio del conflitto armato in Tigray.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.