Congregazioni in Kenya: “Discernere e dialogare di più per capire chi siamo”

Le donne consacrate in Africa: “Un ruolo prezioso per la Chiesa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Kenya

Appello delle congregazioni radicate in Africa centro-orientale che hanno la propria casa madre in Kenya. A lanciarlo attraverso l’agenzia missionaria vaticana Fides è suor Agnes Lucy Lando, delle Suore di Maria di Kakamega. L’Associazione delle Donne Consacrate dell’Africa Centrale e Occidentale (ACWECA) partecipa al processo del Sinodo sulla Sinodalità. E intende ribadire “l’importanza del ruolo delle religiose“. E l’attenzione che le congregazioni “debbono sempre di più dedicare a questo tema“. Papa Francesco ha nominato donne, consacrate e laiche, in ruoli chiave della Curia romana. Le donne vengono chiamate a ricoprire ruoli decisivi nella Chiesa. E “se ciò è possibile è perché sono altamente istruite e specializzate“. E “parliamo di economiste, docenti, sociologhe. Persone che hanno dedicato la loro vita allo studio“.Kenya

Consacrate in Kenya

Suor Agnes Lucy Lando è professore associato di “Comunicazione e Media Studies”. E presidente del Comitato di revisione etica dell’Università Daystar. E’ intervenuta in un recente webinar che ha riunito le donne consacrate dell’Africa. Al fine di esaminare le responsabilità tradizionali delle religiose nella Chiesa. Condividere i loro sogni. E approfondire la loro partecipazione nel mezzo del processo sinodale. “Questo è un momento molto significativo per la Chiesa tutta – afferma- . Voglio sottolineare quanto sia contenta di farne parte come consacrata. Condivido una profonda gioia, ammirazione e lode per la Chiesa. Questo Sinodo è molto diverso da tutti gli altri celebrati prima. Sii tratta di un tempo molto lungo, due anni, non qualche mese. Poi non è riservato solo ai vescovi. Ma coinvolge tutto il Popolo di Dio, le parrocchie, i laici. Tutti sono invitati e nessuno è escluso“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.