Dal Sinodo nuovi percorsi per la Chiesa e per un’ecologia integrale in Amazzonia

“Gioia e speranza” per l’erezione canonica della Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia (Ceama)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Amazzonia

I vescovi a difesa dell’Amazzonia. Il Consiglio episcopale latinoamericano esprime il suo desiderio di “sostenere le iniziative dei nostri fratelli e sorelle della Panamazzonia”. E la volontà di “continuare a camminare insieme. Come discepoli missionari. Affinché i nostri popoli abbiano vita in Gesù Cristo“.Amazzonia

Missione in Amazzonia

“Con gioia e speranza, abbiamo ricevuto una grande notizia. Papa Francesco ha eretto canonicamente la Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia (Ceama). Ora è persona giuridica pubblica ecclesiastica”. Con queste parole la presidenza del Consiglio Episcopale Latinoamericano (Celam) comunica la notizia. Esprimendo, riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides, i suoi sentimenti. La decisione del Pontefice “ci riempie di gioia”, affermano i presuli. In un momento in cui la Chiesa latinoamericana e caraibica accentua la sua opzione per la sinodalità. Nella collegialità. Nella conversione integrale. Con voce profetica. Articolando e integrando reti. Promuovendo il decentramento. E accogliendo il Magistero di Papa Francesco.Amazzonia

Sinodo

La Ceama rientra nel processo di rinnovamento e ristrutturazione dell’episcopato latinoamericano e caraibico (Celam). e che la revisione e l’approvazione degli statuti del nuovo organismo continueranno il loro percorso negli organi competenti. Il Celam esprime gratitudine a Papa Francesco “per la sua guida. La sua vicinanza. E il suo accompagnamento nell’avviare nuovi percorsi per la Chiesa. E per un’ecologia integrale in Amazzonia. Frutto del processo acceso dal Sinodo per la Panamazzonia. Con una significativa partecipazione del popolo di Dio di questa regione”. Secondo l’esortazione apostolica postsinodale “Querida Amazonia“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.