Chi sono i membri della Commissione per l'informazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:16

IPadri Sinodali hanno eletto quelli che saranno i membri della Commissione per l'informazione. Si tratta dei cardinali Lacroix, Napier, Schönborn e Tagle. A questi porporati, si aggiunge monsignor Fisher. L'organo è presieduto dal giornalista Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per la Comunicazione, e vede come segretario padre Antonio Spadaro, gesuita molto vicino a Papa Francesco e direttore de “La Civiltà Cattolica”. L'elezione dei membri, al termine della presentazione delle relazioni durante la prima giornata di lavori, costituisce il primo atto formale dell'Assemblea.

I profili dei membri

Il cardinale canadese Lacroix, arcivescovo metropolita di Québec, è il primo porporato proveniente dall'Istituto secolare Pio X fondato nel New Hampshire da padre Henri Roy. Il cardinale sudafricano Wilfrid Fox Napier è l'arcivescovo della diocesi di Durban dal 1992. Protagonista dei lavori nel Sinodo sulla famiglia del 2014, in quell'occasione espresse le sue perplessità sulla relazione intermedia che affrontava anche il nodo della comunione ai divorziati. Porporato molto attivo sui social, Napier è anche uno dei più sportivi avendo praticato il cricket in passato. Il cardinale Christoph Schönborn è l'arcivescovo metropolita di Vienna ed uno dei teologi più apprezzati da Papa Francesco. Il Pontefice, infatti, rispondendo ad una domanda dei giornalisti su “Amoris Laetitia”, lo aveva definito “un grande teologo, tra i migliori di oggi e tra i più maturi“. Il cardinal Tagle è, invece, il 32esimo arcivescovo metropolita di Manila, oltre ad essere uno tra i più giovani tra i membri del Sacro Collegio. Il presule filippino ricopre anche l'incarico di presidente della Caritas internationalis. Infine, monsignor Anthony Fisher, arcivescovo di Sydney e primate australiano. Il religioso fa parte dell'ordine dei Frati Predicatori.

Direttore e Segretario

La Commissione per l'informazione sarà diretta da Paolo Ruffini, nominato da Papa Francesco. Il giornalista, in precedenza direttore di TV2000 – la televisione della Conferenza Episcopale Italiana -, è stato il primo laico a diventare capo di un dicastero vaticano. Dopo le dimissioni di monsignor Dario Viganò, infatti, Ruffini lo ha sostituito come prefetto del Dicastero per la Comunicazione. Al suo fianco, il giornalista siciliano avrà padre Antonio Spadaro, suo collega e corregionale, che ricoprirà l'incarico di segretario della Commissione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.