Linee-guida per coinvolgere nel cammino sinodale le comunità e i fedeli

Diocesi di Ragusa, incontro con il cardinale Grech, segretario generale del Sinodo dei Vescovi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
cammino

Un incontro per spiegare le modalità di coinvolgimento nel cammino sinodale. Il cardinale Mario Grech è il segretario generale del Sinodo dei vescovi. A Ragusa il 5 novembre il porporato presiede un incontro formativo sul Sinodo. L’evento ecclesiale avverrà nella cattedrale di San Giovanni Battista alle 20. E, riferisce il Sir, si potrà seguire in diretta sui canali social della diocesi di Ragusa e della cattedrale. Sulle frequenze di Radio Karis. In televisione su Tele Pegaso (canale 812). E su In Sicilia tv (617). Il cardinale Grech presenterà le linee di svolgimento del Sinodo. Per una Chiesa sinodale. “Comunione. Partecipazione. Missione”.cammino

Ecclesia in cammino

I lavori saranno aperti da un saluto del vescovo di Ragusa. Monsignor Giuseppe La Placa. Cui seguiranno la relazione del cardinale Grech. Un momento di confronto. E le comunicazioni sull’organizzazione del sinodo in diocesi. Da parte del vicario generale monsignor Roberto Asta. Nella diocesi di Ragusa il Sinodo si è aperto lo scorso 17 ottobre. Con una celebrazione che si è tenuta nelle singole parrocchie. Nel corso della quale è stato letto il messaggio del vescovo.cammino

Coinvolgimento

Referenti diocesani del Sinodo sono monsignor Roberto Asta e Francesca Cabibbo. Con la loro l’equipe che comprende i rappresentanti di parrocchie. Movimenti. Ministeri diocesani. E comunità religiose. L’appuntamento con il segretario generale del Sinodo dei vescovi ha un preciso obiettivo. Mettere a punto la macchina organizzativa del Sinodo. Per coinvolgere tutte le comunità e tutti i fedeli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.