Le diocesi al centro del Sinodo dei vescovi. L’apertura della fase diocesana

Cammino sinodale: a Casale Monferrato, ieri sera l'incontro con il sociologo Franco Garelli. Le comunità parrocchiali si ritroveranno domani alle 21 nella chiesa di Sant’Antonio. Domenica in cattedrale l'apertura del Sinodo con la Messa del vescovo Gianni Sacchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07
Sinodo

Nelle diocesi batte il cuore del Sinodo. Si è svolto ieri sera, a Casale Monferrato, un incontro che ha avuto come relatore il professor Franco Garelli. Sociologo e già preside della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Torino.

Riflessioni sul cammino

La conferenza è stata organizzata in preparazione all’apertura della fase diocesana dell’evento ecclesiale indetto da papa Francesco. E all’avvio del cammino sinodale nella Chiesa italiana. L’appuntamento è stato promosso nell’ambito di “Cantiere Speranza”. Ed è stata ospitato nell’aula sinodale alla Curia vescovile. Il sociologo Garelli ha presentato le sue riflessioni sul cammino sinodale della Chiesa italiana.Sinodo

Unità per il Sinodo

A Casale Monferrato, poi, l’apertura della fase diocesana del Sinodo avverrà con una solenne celebrazione eucaristica. Monsignor Gianni Sacchi, vescovo della diocesi piemontese, presiederà la Messa d’inizio del Sinodo domenica alle 18 in cattedrale. Questo appuntamento sarà preceduto da un’ora di adorazione eucaristica vissuta da ogni unità pastorale. Le comunità parrocchiali della città di Casale Monferrato si ritroveranno domani. Alle 21 nella chiesa di Sant’Antonio. Il mandato del Pontefice è chiaro. “Mettersi in ascolto per incontrare il Signore e gli altri”. Il Papa lo ha ribadito alla Messa di apertura del percorso sinodale. Nella Basilica di San Pietro Francesco ha esortato a “camminare insieme. Senza insonorizzare il cuore. Senza blindarci dentro le certezze. Il Sinodo non è una convention ecclesiale. Ma un evento di grazia“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.