Como: litigano per il cane, 17enne manda in coma un anziano

Un uomo di 67 anni è ricoverato in gravissime condizioni dopo che è stato colpito durante una banale discussione per un cane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:36

Un uomo di 67 anni è ricoverato in gravissime condizioni dopo che è stato colpito durante una banale discussione e ha picchiato la testa cadendo a terra. Ad aggredirlo è stato un ragazzo di 17 anni a seguito di una banale lite scaturita per il cane di quest’ultimo. Il ragazzo dopo l’aggressione si è dato alla fuga per poi consegnarsi ai carabinieri dopo qualche ora. E’ successo a Tavernerio, paese della cintura urbana comasca.

Tutto è iniziato attorno alle 18:30 di mercoledì, in via Roma a Tavernerio, riporta Tgcom24, quando una ragazza al volante di un’auto si è trovata improvvisamente di fronte un cane.

La rissa per il cane

Il proprietario dell’animale, il 17enne, si è messo a discutere in maniera veemente con la donna, tanto che il padre, inizialmente a bordo del mezzo, è sceso dall’auto intervenendo in sua difesa. A questo punto sarebbe stato colpito non è chiaro se con un pugno o uno schiaffo. A causa del colpo l’uomo è caduto a terra e ha battuto la testa, perdendo conoscenza. Il ragazzo è subito scappato.

Le condizioni del 67enne sono apparse subito gravi tant’è vero che il 118 arrivato con un’ambulanza ha chiesto l’immediato intervento dell’elisoccorso. Arrivato all’ospedale Sant’Anna di Como è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico e ora si trova in coma in rianimazioni. Le sue condizioni restano critiche.

Il ragazzo invece dopo circa tre ore si è presentato assieme ad uno zio nella caserma dei carabinieri di Albate e ha ammesso le proprie responsabilità. Il padre del ragazzo aveva inizialmente cercato di incolparsi ma poi il 17enne ha raccontato tutto: si è spaventato e per questo è fuggito. La sua collaborazione ha convinto il magistrato a non emettere provvedimenti restrittivi. Per lui, al momento, una denuncia a piede libero con l’accusa di lesioni personali gravissime. Situazione che potrebbe peggiorare se il 67enne dovesse non sopravvivere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.