Agguato mortale a Bari: ucciso 31enne. L’ombra del clan Strisciuglio

Il quartiere dell'agguato è uno dei rioni della città dove opera il clan mafioso Strisciuglio, egemone a Bari e dintorni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:20

C’è l’ombra del clan Strisciuglio sull’agguato mortale avvenuto nella tarda serata di ieri, mercoledì 29 settembre, nel quartiere San Girolamo di Bari. Vittima un uomo di 31 anni, Ivan Lopez.

L’agguato mortale

L’agguato è avvenuto dopo le 22 sul Lungomare IX Maggio all’altezza delle case popolari, a ridosso del nuovo waterfront, a nord della città. Il 31enne è stato raggiunto da diversi colpi d’arma da fuoco esplosi da ignoti mentre si trovava sul lungomare nel tratto all’altezza delle case popolari.

A quanto riporta Ansa, la vittima era su un monopattino quando il sicario lo ha raggiunto a bordo di un’auto, è sceso, ha sparato ed è fuggito. I militari hanno recuperato tre bossoli, ma ritengono che siano stati sparati più colpi.

L’uomo, con precedenti penali per rapina, è stato portato in ospedale al Policlinico di Bari dove sono state tentate manovre rianimatorie, ma è morto nella notte.

La zona del clan Strisciuglio

Su quel tratto di lungomare ci sono telecamere, anche se non nel punto esatto dell’agguato, i cui video gli investigatori stanno acquisendo per tentare di raccogliere elementi utili a ricostruire la dinamica e identificare il killer.

Il quartiere San Girolamo è uno dei rioni della città dove opera il clan mafioso Strisciuglio, egemone a Bari e dintorni. Lo scorso 26 aprile, un’operazione congiunta di polizia e carabinieri – denominata “Vortice Maestrale” – aveva portato a 26 arresti nel clan pugliese appartenente alla Sacra Corona Unita (SCU).

Sull’episodio indagano i carabinieri del Comando provinciale, coordinati dalla pm della Dda di Bari Bruna Manganelli. La vittima non risulta affiliata al clan, ma al momento l’ipotesi investigativa è comunque quella di un delitto maturato in ambito criminale, anche se non si esclude alcuna pista.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.