Spunta un video di Saman con i familiari: è svolta nelle indagini

C'è un nuovo video negli atti della procura di Reggio Emilia su Saman Abbas, la diciottenne pachistana scomparsa da più di un mese da Novellara

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:40
Saman Habbas e il padre della ragazza scomparsa, Shabbar

C’è un nuovo video negli atti della procura di Reggio Emilia che sta coordinando le indagini dei carabinieri su Saman Abbas, diciottenne pachistana scomparsa da più di un mese da Novellara, dove risiedeva.

Il filmato, scrive il Resto del Carlino, mostrerebbe la ragazza uscire di casa con alcuni degli indagati e non fare più ritorno. Sarebbe l’ultima volta in cui viene vista viva. Sarebbe in base a queste immagini, oltre al video del 29 aprile che ritrae due cugini e uno zio (indagati per omicidio con i genitori di Saman) dirigersi nei campi dietro casa con pale e piede di porco, che gli inquirenti hanno avviato l’indagine.

La giovane Saman Habbas, scomparsa da casa un mese fa

Due giorni fa, il padre di Saman, Shabbar – rintracciato in Pakistan – aveva assicurato che la figlia è viva e sta in in Belgio e che lui tornerà in Italia con un volo aereo il prossimo 10 giugno. Gli inquirenti però non credono alla versione paterna che continuano nella direzione dell’omicidio e dell’occultamento di cadavere.

Lo conferma, sempre al resto del Carlino, il tenente colonnello Luigi Regni, comandante della Compagnia carabinieri di Guastalla: “Queste dichiarazioni [del padre, ndr] non intaccano la nostra ipotesi investigativa e, insieme alla Procura reggiana, proseguiamo le indagini con l’ipotesi di omicidio e occultamento di cadavere. Ora si aggiunge anche l’arresto, in Francia, di uno dei cinque indagati. E questo potrebbe favorire la prosecuzione delle indagini”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.