Spaccio a “conduzione familiare” nel Barese, 5 arresti

In casa madre e figlia incensurate cedevano anche venti dosi al giorno, gli ordini via whatsapp

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50
Arte

Avevano allestito una centrale della droga a conduzione familiare in un appartamento nel centro di Noicattaro, nel Barese. Qui i tossicodipendenti potevano andare ad acquistare le dosi dall’alba all’orario del coprifuoco e anche di notte.

I carabinieri hanno arrestato cinque persone, madre e figlia di 55 e 19 anni, entrambe incensurate che vivevano nella casa dove avveniva lo spaccio, il fidanzato 23enne della ragazza, un amico 38enne pluripregiudicato e un’altra donna 33enne con piccoli precedenti.

I militari hanno documentato nei mesi di marzo e aprile 2021 circa 20 cessioni di droga al giorno. I tossicodipendenti ordinavano le dosi su whatsapp o direttamente bussando alla finestra dell’appartamento. I due uomini si trovano ora nel carcere di Bari e le tre donne in quello di Trani, in attesa degli interrogatori di garanzia.

“Storie di profondo disagio e di lunga dipendenza tra gli acquirenti – dicono gli investigatori – a riprova di come le droghe possono profondamente condizionare la vita degli assuntori, anche giovanissimi, insospettabili lavoratori, che alla noia e alle difficoltà di questo periodo pandemico hanno pensato di rispondere rifugiandosi nel vizio della droga”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.