Vaccini: la combinazione AstraZeneca-Pfizer produce molti anticorpi

I partecipanti al test hanno prima ricevuto una dose del farmaco anglo-svedese, poi 2/3 di loro hanno fatto il richiamo con quello statunitense. Dai primi test, niente effetti collaterali gravi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:25

I risultati preliminari di uno studio condotto da dei ricercatori spagnoli del “Carlos III Health Institute” a Madrid dimostrerebbero che vaccinare con mix di vaccini Pfizer e AstraZenca produrrebbe una potente risposta immunitaria contro il Coronavirus. Ne dà notizia la rivista scientifica britannica Nature.

“Mix-and-match”

Allo studio “CombivacS”, cominciato ad aprile, prendono parte 663 volontari che hanno già ricevuto una prima dose del vaccino anglo-svedese. Due terzi di loro hanno già fatto il richiamo con il prodotto della multinazionale farmaceutica statunitense e questo innescherebbe livelli di anticorpi molto più elevati  in grado di riconoscere e disinnescare il virus.

Gli effetti collaterali erano simili a quelli riscontrati per gli altri vaccini anti-Covid e nessuno è stato ritenuto grave, scrive il periodico inglese. Alcuni giorni fa, lo studio britannico “Com-COV”, che ha sperimentato la stessa combinazione, avrebbe registrato nei volontari sottoposti al “mix-and-match” tassi di effetti collaterali più elevati rispetto a chi ha ricevuto due dosi dello stesso vaccino.

Gli studiosi spagnoli, scrive ancora Nature, si augurano che queste strategie di vaccinazione sviluppino una risposte immunitaria più forte rispetto a quella con due dosi del medesimo farmaco, così da poter semplificare i processi l’immunizzazione in quei paesi dove le forniture di vaccini variano.

“Seguiamo protocolli europei”

“Sul vaccino con una dose Astrazeneca e un’altra Pfizer è evidente che ogni esperimento con risultati positivi potrà trovare applicazione in futuro. Ma al momento ci atteniamo ai protocolli decisi a livello europeo”, ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in un’intervista esclusiva dell’Agenzia Vista.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.