“Straordinaria Federica!”: la Brignone è bronzo nella combinata a Pechino 2022

Federica Brignone (già argento nel gigante) ha vinto la medaglia di bronzo nella combinata alpina femminile diventando la prima donna nella storia del nostro Paese a salire sul podio olimpico della disciplina. E' la 16esima medaglia per l'Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:11
Federica Brignone conquista il bronzo alle Olimpiadi di Pechino 2022

Lo sci alpino femminile regala la sedicesima medaglia all’Italia nell’Olimpiade di Pechino 2022. Federica Brignone (già argento nel gigante) ha vinto la medaglia di bronzo nella combinata alpina femminile diventando la prima donna nella storia del nostro Paese a salire sul podio olimpico della disciplina.

Per l’italiana è la seconda medaglia a Pechino e la terza olimpica in carriera. Davanti a lei festeggia la Svizzera, che realizza una doppietta con Michelle Gisin e Wendy Holdener.

Fuori le altre italiane

Il tracciato abbastanza tecnico dello slalom tradisce diverse atlete, tra cui purtroppo anche le italiane rimaste in gara, Nicol Delago e Marta Bassino, entrambe all’attacco nel cercare la manche perfetta per salire sul podio. Elena Curtoni era già uscita in discesa libera. Questa di oggi è la sedicesima medaglia nell’Olimpiade di Pechino 2022, il settimo bronzo dopo i due ori e sette argenti conquistati nelle scorse giornate.

Malagò: “Straordinaria Federica”

Straordinaria Federica! Una prova spettacolare in una gara difficilissima. Una medaglia fortissimamente voluta e cercata. Fede ha dimostrato di essere una sciatrice clamorosamente completa”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta il bronzo di Federica Brignone nella combinata femminile alle olimpiadi di Pechino. “E non è finita. Ora testa e cuore al Team Event di sabato dove la Brignone con gli altri azzurri può veramente, e ancora una volta, fare la differenza”, ha detto ancora Malagò.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.