Speranza: “Farò vaccinare i miei figli. No al Green Pass per gli under 12”

Speranza: "Fidiamoci dei nostri pediatri. Non è materia neanche da social network, come purtroppo troppo spesso avviene"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51
Il ministro della Salute, Roberto Speranza

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine dell’inaugurazione del nuovo corso di laurea in Medicina dell’Università degli Studi della Basilicata a Potenza, ha affermato che farà vaccinare i suoi figli. Speranza, sul proprio account ufficiale Twitter, si descrive come: “Papà di Emma e Michi. Ministro della Salute. Segretario di Articolo Uno”.

Il vaccino è sicuro

“Le autorità scientifiche internazionali – ha continuato il Ministro – sono tutte molto chiare e sono favorevoli alla vaccinazione tra i cinque e gli undici anni. Lo facciamo per proteggere i nostri figli. Quello che dico alle persone è di fidarsi dei nostri pediatri che sono le persone che hanno fatto studi dedicando una intera vita ai nostri figli e sono le persone giuste cui chiedere una opinione a cui rivolgersi. Io do questo messaggio: abbiamo la fortuna nel nostro Paese di avere alcuni tra i migliori pediatri e medici che ci vengono riconosciuti a livello globale, fidiamoci di loro”.

“Fidiamoci dei nostri pediatri, non è una materia da bar, non è materia da talk show – ha rimarcato Speranza -. Non è materia neanche da social network, come purtroppo troppo spesso avviene”.

No Green Pass per gli under 12

Il ministero della Salute ha anche precisato che i bambini sotto i 12 anni sono esenti dal Green pass. “Il decreto legge – rileva il ministero – stabilisce con chiarezza che i bambini sotto i 12 anni sono esentati dalla certificazione verde Covid-19 per accedere alle attività e servizi per i quali nel nostro Paese è necessario il Green pass”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.