Paura per Sergio Runci, disperso da giorni sull’Appennino Tosco Emiliano

Proseguono senza esito le ricerche di Sergio Runci, l'infermiere 38enne di Messina disperso da 3 giorni sull'Appennino Tosco Emiliano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:44
Sergio Runci

Proseguono senza esito le ricerche di Sergio Runci, l’infermiere 38enne originario di Messina disperso nell’area del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. Di lui non si hanno più notizie da circa tre giorni, da quando è stato avvistato l’ultima volta sabato pomeriggio nei pressi nel parcheggio in zona Lagoni, nei pressi del comune di Corniglio, in alta Val Parma.

L’uomo non è tornato a casa la sera e quando la compagna non ha visto sul cellulare nessuna messaggio del fidanzato che era solito avvisarla prima di mettersi in viaggio per ritornare a casa, ha allertato i soccorsi.

Le ricerche di Sergio Runci: lotta contro il tempo

I volontari del Soccorso Alpino sono partiti intorno alle 22 di sabato per perlustrare la zona intorno al Rifugio Lagoni, meta scelta dal 38enne. Nonostante l’ausilio di un elicottero prima e dei cani e dei droni dopo, le guide alpine non hanno trovato ad oggi traccia dell’infermiere il cui cellulare è stata agganciato per l’ultima volta sabato mattina intorno alle 11 nei pressi del Monte Caio, monte dell’Appennino parmense situato nel comune di Tizzano Val Parma.

Ieri nel tardo pomeriggio – ricostruisce Fanpage – è intervenuto anche l’elicottero della Polizia, reparto volo di Bologna, che ha portato in quota operatori del Cnsas che hanno bonificato alcuni sentieri, senza esito. Ieri sono giunti dalla Sicilia anche i famigliari dell’uomo che seguiranno da vicino le ricerche che proseguiranno anche nella giornata di oggi. Il comune di Corniglio ha pubblicato un appello sulla propria pagina Facebook con le informazioni utili al ritrovamento del 38enne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.