Sapersi mettere nei panni di Mimmo. E la solidarietà che rispetta la giustizia

Padre Maurizio Patriciello ha indirizzato oggi una lettera al direttore di Avvenire Marco Tarquinio sui concetti di solidarietà e giustizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

Padre Maurizio Patriciello ha indirizzato oggi una lettera al direttore di Avvenire Marco Tarquinio dal titolo “Sapersi mettere nei panni di Mimmo. E la solidarietà che rispetta la giustizia”

La lettera

Caro direttore,

ho letto e apprezzato l’editoriale di Toni Mira sulla vicenda (anche giudiziaria) di Mimmo Lucano. L’ho trovato, come sempre, equilibrato, completo, illuminante. Ho letto poi la lettera di Eugenio Mazzarella, a te indirizzata, sabato 2 ottobre e la proposta in essa contenuta e alla quale hai deciso di dare spazio. E ho ringraziato Dio.

In particolare, egli, parlando della sentenza emessa nei confronti del sindaco di Riace, ha detto: “Ci troviamo tra due fuochi. Da un lato la sentenza emessa dalla magistratura di un Paese civile e democratico, che va rispettata; dall’altro lato, la storia di un uomo che in questi anni è assurto a icona dell’accoglienza degli immigrati. Errori, Mimmo Lucano, ne ha commessi, eccome. Eppure, la severissima condanna rimediata lascia perplessi anche i suoi avversari e persino i suoi nemici. La legge è legge e su questo non ci piove, ma ci rimane l’amaro in bocca. In questi giorni ho ripercorso un po’ la mia esperienza di questi ultimi dieci anni che mi hanno visto, mio malgrado, protagonista di una lotta che mai avrei pensato di dover affrontare – non fosse altro perché del tutto impreparato –; anch’io ho capito tante volte di rischiare grosso. Certi proprietari dei terreni inquinati erano giustamente arrabbiati e con loro i camorristi e gli industriali disonesti che per decenni, pressoché indisturbati, avevano avvelenato le nostre terre e le nostre vite. Una sera me li ritrovai sotto casa, con fare minaccioso. Un po’ di paura c’è stata e ancora c’è. La vera preoccupazione, però, non veniva da loro, ma da quei politici che negli anni si erano sporcati le mani e arricchiti grazie a questi affari maledetti. Alcuni di essi erano ancora sulla cresta dell’onda o legati da rapporti di parentele, amicizie o di partito ai vecchi responsabili dello scempio. Insomma, avevano e hanno la necessità di stringere il bavaglio sulla bocca di chi grida per farlo tacere. Negare. Negare. Negare. «È facile mettere a tacere un uomo, basta un colpo di pistola o una semplice calunnia. Ancora più facile, se quest’uomo è un prete», ricordo di aver scritto in un articolo”.

Il mare che si stende tra il dire e il fare è insopportabile

Padre Patriciello prosegue con queste paroleIl rischio di essere denunciato per procurato allarme non era peregrino. Certo, perché davanti all’impermeabile muro di gomma di tante autorevoli personalità che negavano l’evidenza o tentavano di sminuirne la portata, l’unica arma che avevamo io e tantissimi volontari era quelle della protesta. Proteste che non a tutti piacevano. Sono stato fortunato, in primo luogo, perché ho avuto te e ‘Avvenire’ al mio fianco; poi perché tutto ho fatto in comunione con il mio vescovo, Angelo Spinillo, e il cardinale Crescenzio Sepe. Della tragica realtà dei morti per cancro nella ‘terra dei fuochi’, che andavano aumentando a dismisura, i medici dell’ambiente, i miei confratelli e io eravamo certi. Sì, ma le prove? Gli studi certificati? Già, le prove. Tutti sapevamo che le prove non c’erano per le omissioni e gli imbrogli perpetuati nel passato. Allora? Che cosa fare? Starsene con le mani in mano o darsi da fare rischiando di essere denunciato o messo alla berlina? Il mio essere prete e il dialogo continuo con i vescovi campani mi hanno protetto. Problemi ne ho avuti, ma solo a livello mediatico, mai nessuna denuncia. Quando abbiamo avuto l’idea di mettere insieme le ‘mamme orfane’ perché gridassero, insieme ai loro figli che non c’erano più, fui accusato di strumentalizzare ‘i morticini’ e cose del genere. Avevo messo tutto in conto. In questi giorni ho ritrovato – non ricordavo di averlo scritto – il testamento spirituale redatto in quei mesi tanto faticosi. Con le autorità civili e politiche sono sempre stato prudentissimo. Ma è stata ed è dura. Il mare che si stende tra il dire e il fare è insopportabile. In privato, tutti – e dico tutti – mi davano ragione, ammettevano lo scempio, mi esprimevano la loro solidarietà, mi incoraggiavano. In pubblico, però, ognuno si proteggeva dietro le leggi. Solo all’inizio di quest’anno, l’Istituto superiore di sanità ha ammesso che si, è vero, nella ‘terra dei fuochi’ ci si ammala e si muore di cancro più che altrove. Nel frattempo, però, abbiamo già accompagnato al camposanto tanti nostri cari”.

Povero tra i poveri

Infine, Padre Patriciello ha sottolineato che, molto spesso, in certi contesti, coloro che vengono chiamati eroi, si ritrovano ad affrontare da soli problemi umanitari immensi: “Permettimi, perciò, direttore, di abbracciare Mimmo Lucano. Permettimi di sperare che la condanna sia rivista in appello. No, non sono le persone come Mimmo la palla al piede del nostro Paese. Il fatto è che coloro che, in certi contesti, vengono chiamati eroi ed elogiati per il loro coraggio, tante volte, si ritrovano del tutto soli ad affrontare problemi umanitari immensi, e possono sbagliare mettendo le persone prima delle leggi. Sono il parroco di un quartiere povero, stritolato nella morsa della droga e dei fetori velenosi dei roghi tossici e delle industrie clandestine. Povero tra i poveri, mi trovo a mio agio. Credo perciò che spetti a noi l’onore di dare il primo contributo alla sottoscrizione che il professor Mazzarella e tanti altri hanno lanciato a favore di Mimmo Lucano su ‘Avvenire’. Pochi soldi, per quanto mi riguarda, e tanta preghiera”.

Le parole del direttore di Avvenire Marco Tarquinio

“Caro don Maurizio,

caro padre e amico, hai detto tutto tu. E io posso solo ripetermi. Ho scritto molte volte, nel dialogo con i nostri lettori, che il modo più sensato e umano per stare ‘in relazione’ è quello di mettersi nei panni del-l’altro, della persona di cui si parla e che magari si giudica oppure si valuta a partite da un giudizio o da un ‘destino’ che le è stato scritto addosso. Tu sai farlo interamente, da uomo e da prete, e ancora una volta te ne ringrazio, e ne ringrazio Dio. Stavolta ti metti, e aiuti a entrare, nei panni di Mimmo Lucano in un modo che dovrebbe toccare il cuore e l’intelligenza di tutti, deideologizzando completamente la riflessione sul ‘caso’ di una persona condannata duramente per irregolarità commesse in un’attività amministrativa volta a valorizzare la propria terra e a rendere umana ed efficace l’accoglienza degli immigrati. Anche questa deideologizzazione è esercizio indispensabile, e noi l’abbiamo avviata con il lucidissimo eppure caldo editoriale del primo ottobre di Antonio M. Mira. Lucano non è stato e non è il solo ad agire per cambiare la Calabria e la vita di persone colpevoli solo di essere straniere e povere, ma ‘capaci’ come ogni uomo e ogni donna. Eppure Lucano è un simbolo. Perciò, don Maurizio, mio caro uomo di Dio e non di partito, le motivazioni della tua adesione morale, concreta e orante all’appello che il professor Eugenio Mazzarella, con tanti altri, ha lanciato sulle nostre pagine è particolarmente importante. Ho accolto volentieri quello scritto mite e forte dell’amico Eugenio. E gli dico grazie per averne condiviso gli sviluppi. Sarei davvero felice di vedere personalità di orientamento culturale e politico diverso da quello di Lucano e dei già ‘multicolori’ primi firmatari dell’appello ‘Per Mimmo’ condividere lo stesso giudizio umano e la stessa umana solidarietà che dànno spessore a quell’invito a rispettare la giustizia e, per così dire, ad accompagnarla. Anch’io rispetto la giustizia, anche se so che quaggiù non è infallibile, ma soprattutto ho fiducia negli uomini e nelle donne di buona volontà e di rette intenzioni. Credo, infatti, che non ci possiamo stancare di ripetere che «il bene va fatto bene» e di agire di conseguenza, ma dobbiamo tenere caro anche l’ammonimento di Voltaire: «Ogni uomo è colpevole di tutto il bene che non ha fatto». È una versione laica della consapevolezza che, qui e ora, dovrebbe esser pietra angolare dell’esistenza cristiana: nell’ultima sera, tutti, saremo giudicati sull’amore”.

Lettera pubblicata sul quotidiano Avvenire, per vedere l’articolo originale clicca qui

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.