Incremento della produzione industriale nel mese di luglio

Secondo i dati Istat la produzione industriale italiana è in netto aumento su base mensile ed anche rispetto al periodo pre-Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48

L’Istat ha pubblicato oggi i dati relativi alla produzione industriale italiana del mese di luglio da cui è emerso che è la stessa è aumentata, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, del 7%.

I dati emersi

In particolare, a luglio rispetto al mese di giugno, la produzione industriale è aumentata dello 0,8% e nella media intercorrente i mesi tra maggio e luglio il livello di questo dato è salito dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti dell’anno in corso. Nel dettaglio Istat ha osservato nel mese in esame un incremento congiunturale della produzione industriale che consolida la crescita del mese precedente all’interno di una dinamica trimestrale favorevole in tutti i compartimenti dell’industria eccettuato il settore energetico.

Questo report analizza anche la tendenza dei beni strumentali che, nel lasso di tempo analizzato, hanno avuto un incremento della produzione del 1,9% a cui si sommano gli aumenti del 1,4% per i beni intermedi e dello 0,9% per i beni di consumo. L’unico settore che risulta essere in lieve decremento è il comparto dell’energia con un calo di 1,5 punti percentuali.

Gli incrementi maggiori ed il confronto con i dati pre-Covid

Infine, lo studio in esame, ha mostrato incrementi in tutti i settori dell’economia tra cui vi sono alcuni che spiccano: la fabbricazione di apparecchiature elettriche con un incremento del 12,5%, la fabbricazione di materie plastiche articoli in gomma con il 9,8% e la metallurgia con un +11,9%.

Rispetto ai livelli pre-Covid, ossia in confronto a febbraio 2020, mese precedente l’inizio dell’emergenza sanitaria, nel mese di luglio l’indice della produzione industriale risulta essere cresciuto del 1,5%.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.