Crollo del ponte Morandi: al via da oggi l’udienza preliminare

Sono 59 le persone imputate oltre alle due società Aspi e Spea. Le accuse: omicidio colposo plurimo, disastro colposo, crollo doloso e falso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22

Al via la prima udienza preliminare per il crollo del ponte Morandi, il viadotto autostradale della A10 collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. Secondo i pm Massimo Terrile e Walter Cotugno, con l’aggiunto Paolo D’ovidio, il ponte sarebbe crollato per le mancate manutenzioni nell’ottica del massimo risparmio per il massimo profitto e potere aumentare i dividendi dei soci.

I 59 imputati e le accuse

Sono 59 le persone imputate oltre alle due società Aspi e Spea (la società che si occupava di monitoraggio e manutenzioni). Le accuse vanno dall’omicidio colposo plurimo, al disastro colposo, dal crollo doloso al falso.

Le udienze, tre volte alla settimana fino a dicembre, verranno celebrate nella tensostruttura montata dentro l’atrio del tribunale per rispettare le misure anti contagio. Al termine dell’udienza preliminare il giudice deciderà chi rinviare a giudizio.

Castellucci chiede la ricusazione del giudice

Questa mattina, secondo le attese, i legali dell’ex A.d Giovanni Castellucci e altri cinque chiederanno alla corte d’appello la ricusazione del giudice per l’udienza preliminare Paola Faggioni perché aveva già emesso le misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta sulle barriere fonoassorbenti pericolose. Per il procuratore capo facente funzioni Francesco Pinto “il gup non è da ricusare perché non ha espresso alcun pre-giudizio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.