Eccezionale intervento su un feto con un raro tumore al cuore

Il neonato è stato intubato quando ancora era attaccato alla placenta della made per garantirne la sopravvivenza e poi operato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57

Eccezionale intervento all’ospedale Regina Margherita di Torino. Un feto, affetto da un raro tumore al cuore di 7,5 centimetri, è stato salvato grazie a un’operazione effettuata durante il parto. Lo riporta TgCom24.

Nelle due settimane precedenti la nascita, la mamma è stata ricoverata e sottoposta a innovative terapie per correggere lo scompenso fetale. E’ stato così possibile arrivare a 33 settimane. L’intervento è stato poi effettuato presso le sale operatorie dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, per l’occasione riadattato alle esigenze ostetriche.

L’operazione salva vita

Il neonato è stato prima intubato, quando ancora era attaccato alla placenta della mamma, per garantirne la sopravvivenza, e poi operato. La massa tumorale occupava quasi tutto il torace e avrebbe quindi impedito ai polmoni di espandersi e al neonato di respirare. L’unica possibilità di salvarlo neonato era quella di asportare il tumore, potenzialmente fatale, alla nascita.

Dopo l’intervento di taglio cesareo il neonato, 1,9 chili di peso, è stato trasferito nella sala attigua e sottoposto al delicato intervento cardiochirurgico per l’asportazione totale in sternotomia mediana del teratoma pericardico di 7.5 cm. L’equipe multidisciplinare, composta da diverse decine di persone, ha portato a termine con successo un difficilissimo percorso terapeutico – assistenziale, permettendo al neonato, altrimenti senza alcuna speranza di sopravvivenza, una vita praticamente normale. Il piccolo sta bene e ha iniziato ad alimentarsi col latte materno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.