Ndrangheta, operazione Katarion: decapitata la cosca Muto di Cetraro

La 'ndrina Muto è coinvolta illegalmente nel settore turistico, nel mercato ittico dalla distribuzione al dettaglio e nel traffico di droga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:09

Trentatré arresti nella storica cosca di ‘ndrangheta Muto di Cetraro. I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno infatti eseguito oggi un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Catanzaro, su richiesta della Dda, nei confronti di 33 soggetti, indagati, a vario titolo, per associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti; produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti; estorsione, tentata e consumata, aggravata dal ricorso al metodo mafioso; detenzione illegale di armi da fuoco.

La ‘ndrina Muto

Gli arresti sono giunti nell’ambito delle indagini relative ad un’organizzazione criminale operante nell’area dell’alto Tirreno cosentino sotto l’egida della storica cosca di ‘ndrangheta Muto di Cetraro, in provincia si Cosenza.

La ‘ndrina Muto è una cosca della ‘ndrangheta calabrese di Cetraro coinvolta illegalmente nel settore turistico di Cetraro e dintorni nonché del mercato ittico dalla distribuzione al dettaglio dell’area con ramificazione nell’area campana del Cilento e nel traffico di droga.

Le 33 misure cautelari eseguite (10 in carcere, 8 ai domiciliari e 15 obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria) hanno riguardato soggetti residenti nei comuni della costa tirrenica cosentina, nella Locride e a Ivrea nel torinese.

Operazione Katarion

L’operazione, denominata Katarion, ha colpito un’organizzazione operante in una fascia compresa tra Guardia Piemontese a Scalea, con al centro Cetraro, mentre le piazze di spaccio sono state individuate e smantellate a Scalea, Santa Maria del Cedro, Belvedere Marittimo, Diamante e Buonvicino.

A Cetraro i carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno trovato un bunker in fase di ultimazione occultato nell’abitazione degli indagati dell’operazione “Katarion” condotta con il coordinamento della Dda di Catanzaro e che ha portato all’esecuzione di 33 misure cautelari nella zona dell’alto Tirreno cosentino.

La scoperta è stata fatta nel corso di una perquisizione domiciliare nei confronti di uno degli esponenti di spicco del sodalizio dedito al traffico di droga, che operava sotto l’egida della cosca “Muto”. I militari inoltre hanno trovato e sequestrato 700 grammi di cocaina e due chili di hascisc.

Indagini iniziate nel giugno 2016

Il sodalizio, secondo gli investigatori, ha puntato soprattutto sul traffico di stupefacenti, ed è stata accertata una continua capacità di far fronte alle esigenze di droga grazie ad un broker operante nell’area della Locride da dove arrivava la cocaina, la produzione di marijuana, invece, avveniva in maniera autonoma.

“Le indagini iniziate nel giugno 2016 – conferma il comandante provinciale dei carabinieri di Cosenza, colonnello Piero Sutera – all’indomani dell’operazione Frontiera hanno evidenziato la riorganizzazione del sodalizio della storica consorteria mafiosa ‘Muto’ di Cetraro, che è egemone sulla zona del Tirreno cosentino. Le indagini hanno documentato che gli assetti puntavano nuovamente sul core business dei Muto, che è proprio lo spaccio di droga“.

Il video dell’operazione Katarion pubblicato da Quotidiano del Sud Edizione Web.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.