Movida violenta, rapine e aggressioni: la nuova gioventù milanese

Un gruppo di 15 giovani, alcuni dei quali minorenni, era solito infastidire, aggredire e derubare coetanei o estranei in strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40
Ambrosianeum

Giovani e giovanissimi coinvolti in episodi di inaudita violenza. Accade a Milano dove quattro ragazzi, tutti incensurati, sono stati arrestati e messi ai domiciliari oggi dalla Polizia di Stato di Milano.

I quattro sono ritenuti responsabili, in concorso e a vario titolo, di una rapina, una tentata rapina e due aggressioni ai danni di alcuni loro coetanei, del titolare di un ristoratore e di alcuni suoi dipendenti.

Il branco

Altri nove giovani sono indagati per una serie di episodi violenti – rapine a aggressioni – consumate prevalentemente nella zona della movida dell’Arco della Pace, nel capoluogo lombardo. Sono in corso perquisizioni a carico di altri cinque minorenni, incensurati, appartenenti allo stesso gruppo.

In tutto il branco era composta da una quindicina di ragazzi, che si trovava in centro, e abitualmente infastidiva o aggrediva coetanei tra due quartieri ad alta densità di locali e di avventori, quello di via Garibaldi-Brera e l’Arco della Pace, nella zona del parco Sempione, a ridosso del Castello di Milano.

Le rapine e l’aggressione ai coetanei

L’attività investigativa della Squadra Mobile di Milano e del Commissariato Sempione, ha consentito di ricostruire la dinamica delle rapine, una consumata e un’altra tentata, oltre che di due differenti aggressioni avvenute tra la sera del 3 ottobre 2020 e le prime ore del giorno successivo, in centro a Milano, ai danni di vittime appena maggiorenni, incontrate casualmente e “scelte” senza alcun apparente motivo.

Il gruppo ha prima incontrato tre coetanei e, nella circostanza, due di loro hanno rapinato i portafogli delle vittime; poi ha aggredito il titolare e i dipendenti di un ristorante, all’atto della chiusura dell’esercizio commerciale, provocando lesioni a due di loro.

Successivamente lo stesso gruppo ha tentato di rapinare un monopattino elettrico a tre coetanei incontrati casualmente in piazza e, infine, a distanza di pochi minuti, sempre nella stessa piazza, tra i locali, senza alcuna motivazione, ha aggredito altri cinque coetanei procurando ad alcuni di loro lesioni gravi.

Gli arresti sono stati eseguiti questa mattina dalla Squadra mobile in esecuzione di una misura cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip di Milano, su richiesta del procuratore aggiunto Laura Pedio e del sostituto procuratore Francesca Crupi, mentre sono in corso alcune ulteriori perquisizioni emesse dal procuratore capo presso il Tribunale per i Minorenni di Milano, Ciro Cascone, a carico di cinque minorenni, incensurati, appartenenti allo stesso gruppo che avrebbero agito congiuntamente ai maggiorenni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.