Solidarietà e vicinanza ai popoli ai popoli martoriati dalla guerra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14

Carissimo don Aldo,

come ogni giorno, puntuale, ricevo la vostra newsletter. Devo dire che leggo il suo quotidiano con molto interesse, in quanto sono contenta di non trovare i pettegolezzi o le polemiche sterili che si vedono in altri.

Ho molto apprezzato l’intervista della giornalista Mariangela Musolino al Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton. Rimango sconvolta ogni volta che leggo che non tutti hanno le stesse possibilità di accedere alle cure sanitarie o ai vaccini anti-covid. La cosa che però mi fa soffrire di più è leggere che in un Paese come la Siria, da ormai, dieci anni, si continua a combattere una guerra.

Penso a tutte quelle persone, in particolare ai bambini… Quanta sofferenza, quanta distruzione. Penso che soprattutto in questo periodo pasquale, dovremmo da cristiani, dimostrare la nostra vicinanza e solidarietà verso queste popolazioni martoriate dalla guerra.

Tutti insieme dovremmo chiedere ai nostri governi che intervengano e che pongano fine a questo martirio che queste popolazioni stanno vivendo. Ognuno di noi deve fare la sua parte, anche se pensasse di essere ancora più piccolo di una goccia d’acqua in un oceano.

Cordiali saluti, Anna P.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.