Migranti: le nuove regole e gli oneri condivisi nel piano della Von der Leyen

La presidente della commissione EU 'É interesse di tutti i governi trovare un approccio europeo'

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58
Von der Leyen

“È interesse di tutti i governi trovare un approccio europeo sulle migrazioni umano ed efficace, penso che ogni Stato membro possa sottoscriverlo”. Sono le parole della presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen in un’intervista a la Repubblica sulla proposta di riforma dei flussi dei migranti.

Ribilanciare solidarietà e responsabilità

“Presenteremo una proposta che sarà più completa, più europea e conterrà nuove regole su asilo, integrazione, rimpatri e gestione dei confini – osserva – il principio alla base della riforma è il ribilanciamento tra solidarietà e responsabilità, la condivisione degli oneri su tutta la catena migratoria. Daremo una risposta completa ai flussi”. Inoltre chiede ai governi più rapidità sulle sanzioni attraverso un “Magnitski act” europeo.

Il piano per il Recovery della Von der Leyen

“I governi dovranno rispettare le priorità legate alla transizione climatica e a quella digitale e inoltre dovranno guardare alle raccomandazioni del semestre europeo che per alcuni Stati membri sono legate anche alle tasse e al costo del lavoro. Questa combinazione tra investimenti e riforme garantisce di modernizzare l’economia”.

Dopo l’avvelenamento di Navalny l’Europa dovrebbe cambiare strategia verso la Russia in particolare su Nord Stream 2? “Per lungo tempo l’approccio su questo tema è stato puramente economico. Penso invece sia anche politico. Il comportamento della Russia non è cambiato in meglio, ma in peggio. Quindi la speranza che attraverso il gasdotto e il commercio le relazioni con Mosca potessero migliorare è svanita. Le relazioni con la Russia non cambiano grazie a un gasdotto, dobbiamo prenderne atto. Dobbiamo includere questa considerazione nel nostro approccio complessivo sulle relazioni con la Russia”.

Maggiore flessibilità per l’Europa

“L’Europa è forte quando è unita e in politica estera è cruciale avere una reazione netta nei momenti di crisi – rileva – per questa ragione proporremo di dare più flessibilità alla commissione nel portare avanti le sanzioni nei casi di violazioni dei diritti umani. Apprezzerei molto se gli Stati membri concordassero di decidere sui temi cruciali di politica estera a maggioranza qualificata. Aumenterebbe tantissimo la nostra credibilità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.