Lamorgese: “Flusso dei profughi ucraini in calo: 5.600 nei centri di accoglienza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:12

Si registra un rallentamento del flusso dei profughi ucraini verso l’Europa: si è passati da 200mila a 40mila al giorno. In Italia, alla data di ieri, sono 75mila. Di questi 5.600 sono inseriti nei sistemi d’accoglienza Cas (5.300 persone) e Sai (299). Le domande di protezione sono state finora circa 750, un dato che “riflette la speranza ucraini di rientrare in Patria dopo il termine delle ostilità”.

Così il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, in audizione al Comitato Schengen, il Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione ed il funzionamento della Convenzione di applicazione dell’Accordo di Schengen e di vigilanza sull’attività dell’unità nazionale Europol.

Lamorgese: “Permesso soggiorno ad apolidi e Paesi terzi”

Dopo il Dpcm firmato ieri sulla protezione temporanea “procederemo alla concessione del permesso di soggiorno temporaneo non solo ai profughi ucraini, ma anche agli apolidi ed ai cittadini di Paesi terzi che beneficiano di protezione internazionale in Ucraina”, ha aggiunto Lamorgese riportata da Ansa.

Lamorgese: “Ora l’Europa sblocchi il Patto asilo e migrazione”

La crisi ucraina “avrà un impatto positivo sul Patto asilo e migrazione da tanto tempo fermo in Europa, perché non si riescono a sbloccare le trattative tra i vari Stati. Speriamo che il nuovo approccio che ha visto tutti i Paesi europei decidere per l’accoglienza e la redistribuzione dei profughi ucraini possa essere anche negli altri casi di instabilità. C’è la necessità – ha spiegato Lamorgese – di disporre strumenti di governo dei flussi che provengono dal Mediterraneo imperniati sulla solidarietà e la responsabilità dei singoli Stati. Sarebbe poco lungimirante pensare che questi scenari di mobilità possano essere gestiti secondo le attuali regole di Dublino ed il sistema Schengen. E’ un errore non dotarsi di un Patto sull’immigrazione e l’asilo e la presidenza francese farà di tutto per chiudere con un documento che possa essere accolto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.