Istat: i dati sull’occupazione evidenziano un miglioramento

In data odierna l'Istat ha pubblicato una nota relativa all'occupazione su base mensile ove si segnalano dei miglioramenti in merito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

In data odierna l’Istat ha pubblicato una nota concernente il numero di occupati e disoccupati in relazione al mese di giugno 2021. Secondo i dati rilevati, rispetto al mese precedente, si è verificata una diminuzione sia dei disoccupati che degli inattivi ed un contestuale aumento degli occupati.

La situazione occupazionale esemplificata dai dati raccolti

In particolare, le cifre esemplificate, hanno sancito un aumento dello 0,5% del tasso di occupazione che, così facendo sale al 57,9% con un contestuale incremento di 160 mila persone occupate su base mensile ed una correlata riduzione del tasso di disoccupazione che scende al 9,7% con un trend in discesa di mezzo punto percentuale rispetto al mese precedente. In seconda istanza, il presente report, evidenziato che, tra maggio giugno, si è ridotto di 34 mila unità il numero degli inattivi tra i 15 e 64 anni, facendo segnare una riduzione dello 0,3% su base mensile. Oltre a quanto precedentemente detto, analizzando i dati su base annua, emerso che, tra giugno 2020 giugno 2021 vi è stato un aumento dell’occupazione pari all’ 1,2% ossia 267 mila unità lavorative occupate in più con una crescita occupazionale che riguarda trasversalmente sia gli uomini che le donne in tutte le fasce di età, eccettuata quella dai 35 ai 49 anni.

I dati antecedenti l’emergenza sanitaria

In conclusione, è utile sottolineare che, nonostante i miglioramenti evidenziati, lo studio Istat riporta che, rispetto a febbraio 2020, ossia il mese prima dell’inizio della pandemia, il tasso di occupati attuale risulta ancora inferiore di 470 mila unità ossia dello 0,8% mentre il tasso di inattività rimane superiore di un punto percentuale a quello del medesimo periodo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.