Usa, sparatoria a Indianapolis nel magazzino FedEx: “Numerose vittime”

E' accaduto in un deposito della FedEx vicino all'Indianapolis International Airport. Il presunto aggressore si è suicidato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

Paura nella notte a Indianapolis, capitale dello Stato dell’Indiana (Usa), dove nella notte (poco dopo le 23:00 di ieri) è avvenuta una sparatoria in un deposito della FedEx – nota società di trasporto – nella zona sudovest della città, vicino all’Indianapolis International Airport. L’Indianapolis Metropolitan Police Department ha reso noto che gli agenti hanno riferito di “numerose vittime”.

L’autore del gesto si è ucciso

L’autore della sparatoria nel deposito della FedEx si è poi suicidato: lo riporta il quotidiano Indianapolis Star, che cita la polizia.

Quando la polizia è arrivata giovedì tardi, gli agenti si sono trovati davanti a una sparatoria nella struttura, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce della polizia di Indianapolis Genae Cook. Lui stesso ha confermato che più persone sono state uccise, ma non ha fornito un numero specifico. Ha aggiunto: “Non riteniamo ci sia una minaccia attiva per la comunità in questo momento”.

La sparatoria è avvenuta presso la struttura FedEx nel blocco 8900 di Mirabel Road, a Indianapolis

La testimonianza

La polizia non conferma il bilancio dei feriti, ma solo che diverse persone sono state trasferite in ospedale, scrive l’Indianapolis Star, mentre non ci sono per ora notizie sulle vittime.

Un testimone che ha detto di lavorare presso la struttura ha raccontato a WHTR-TV di aver visto un uomo con una pistola dopo aver sentito diversi spari. “Ho visto un uomo con una mitragliatrice di qualche tipo, un fucile automatico, e stava sparando a cielo aperto”, ha detto Jeremiah Miller.

Il cordoglio

André Carson, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato dell’Indiana, ha postato un messaggio di condoglianze. “Ho il cuore spezzato per la sparatoria di massa nella struttura FedEx qui a Indianapolis – ha twittato Carson – e prego per tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia. Sto comunicando con le autorità locali per ottenere tutti i dettagli dell’attacco e il mio ufficio è pronto ad aiutare tutte le persone colpite in ogni modo possibile”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.