Incidente mortale nel Mondiale Superbike, addio a Dean Berta Vinales

Aveva appena 15 anni ed era cugino del campione del mondo Maverik; fatale la dinamica dell'incidente di gara in cui ha perso la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:34
Un momento dei soccorsi a Dean Berta Vinales (foto da Gazzetta.it)

Un incidente mortale ha funestato oggi il mondo motociclistico del Mondiale Superbike. Sul tracciato spagnolo di Jerez de la Frontera ha perso la vita ad appena15 anni Dean Berta Vinales, giovanissimo cugino del campione del mondo Maverick, che stava partecipando ad una gara della categoria Supersport 300.

L’incidente di gara è occorso durante il terz’ultimo giro, con una dinamica che ricorda drammaticamente quella della morte di Marco Simoncelli in MotoGp nel 2012. Vinales è caduto a causa di un incidente che ha coinvolto vari piloti ed è stato investito da altri concorrenti, troppo vicini e veloci per poterlo evitare, riportando gravi lesioni alla testa e al torace.

Immediati i mezzi sanitari sono sopraggiunti sul posto, il giovane è stato soccorso in pista, in ambulanza e presso il centro medico del circuito, ma il Medical Center non ha potuto far altro che annunciare il suo decesso. La gravità della situazione è stata subito chiara quando la Direzione Gara ha deciso di annullare ò’intero programma di gare della giornata, mentre l’elicottero che era sceso sul circuito non è più ripartito.

Il giovanissimo Vinales correva il suo primo anno in Supersport 300 per la scuderia Vinales Racing Team, fondata dallo zio Angel, il padre di Maverick, proprio per sostenere i giovani piloti a muovere i primi passi nel mondo delle competizioni. Dean aveva gareggiato nella European Talent Cup nel 2019 e 2020. Sognava una carriera brillante come quella del cugino, che esordì nel Motomondiale in classe 125 a 16 anni.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.