Incendio in ditta rifiuti nel Pavese: arrestati 3 uomini per danni ambientali

I reati contestati sono: traffico illecito di rifiuti, incendio doloso, utilizzo ed emissione di fatture false, bancarotta fraudolenta, riciclaggio ed autoriciclaggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15
I vigili del fuoco all'opera nella ditta di Mortara

Nelle prime ore di questa mattina i militari della Guardia di Finanza e dei Carabinieri forestali di Pavia, con uomini appartenenti alla Sezione di polizia giudiziaria della Procura di Pavia, hanno arrestato 3 persone ritenute responsabili dell’incendio, avvenuto nel 2017, all’interno dell’impianto di trattamento di rifiuti “Eredi Bertè” di Mortara (Pavia).

Il giorno dopo il rogo, nella ditta Eredi Bertè – che si occupa nello specifico di ritiro e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi, e in piccola misura, anche pericolosi – era prevista la visita ispettiva semestrale dell’Arpa. Poi ovviamente saltata. Difficile pensare a una casualità. Oggi, infatti, gli arresti.

I reati eco ambientali commessi

I reati contestati sono: traffico illecito di rifiuti, incendio doloso, utilizzo ed emissione di fatture false, bancarotta fraudolenta, riciclaggio ed autoriciclaggio. “Oltre agli arresti – si legge nel comunicato della Guardia di Finanza di Pavia – sono stati sequestrati oltre 2 milioni di euro (tra disponibilità finanziarie, fabbricati, terreni ed autoveicoli) frutto dell’ingiusto profitto ottenuto attraverso il mancato pagamento delle spese di recupero e di smaltimento dei rifiuti ed il mancato versamento del ‘tributo speciale regionale'”.

Le indagini erano state avviate nel settembre del 2017 a seguito dell’incendio divampato alla società “Eredi Bertè Antonino” di Mortara (Pavia) e “hanno permesso di accertare – si legge nel comunicato delle Fiamme Gialle – innumerevoli illeciti, anche di natura ambientale, nonché la causa dell’incendio dei rifiuti stoccati nell’impianto di trattamento”.

Due degli arrestati

I successivi accertamenti coordinati dalla Dda di Milano hanno poi portato alla luce “un sistema criminale” impegnato a massimizzare i profitti del traffico illecito di rifiuti. In particolare, due degli arrestati, entrambi 54enni e gestori dell’impianto di smaltimento, “dopo aver ammassato indistintamente quintali di rifiuti pericolosi” li smaltivano senza alcuna operazione di trattamento o recupero, ottenendo profitti illeciti per circa 2 milioni.

Non solo: “una volta accortisi che la gestione dell’impianto era divenuta insostenibile a causa dell’enorme quantità di rifiuti, i due decidevano di dar fuoco al piazzale al solo scopo di ripulire, a costo zero, l’intera azienda di smaltimento, noncuranti dell’enorme danno per la salute”. Dopo l’incendio la società venne dichiarata fallita e i due gestori, attraverso società intestate a prestanome, lavorarono per far sparire i capitali illeciti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.