Resti umani in una grotta dell’Etna: forse del giornalista Mauro De Mauro

Franca De Mauro, una delle figlie del giornalista Mauro De Mauro, rapito dalla mafia e scomparso a Palermo il 16 settembre 1970, ha contattato la Guardia di finanza di Catania che indaga per risalire all'identità dei resti di un uomo trovati in una grotta alle pendici dell'Etna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21
Il giornalista Mauro De Mauro in una foto d'archivio degli anni '70

Franca De Mauro, una delle figlie del giornalista Mauro De Mauro, rapito dalla mafia e scomparso a Palermo il 16 settembre 1970, ha contattato ieri la Guardia di finanza di Catania che indaga per risalire all’identità dei resti di un uomo trovati ieri in una grotta alle pendici dell’Etna.

L’ipotesi della famiglia De Mauro

La donna, leggendo sui media che i resti scoperti risalirebbero a un periodo compatibile con la scomparsa del padre e che il cadavere presenterebbe malformazioni a naso e bocca, ha voluto segnalare il suo caso agli inquirenti per dare loro un input investigativo. La De Mauro però non ha riconosciuto alcun oggetto trovato accanto al corpo, vestito in giacca e cravatta. Inoltre nelle tasche dell’abito c’era un pettine e la donna ha escluso che il padre lo portasse con sé. Al momento la famiglia De Mauro non ha fatto alcuna istanza attraverso i suoi legali, gli avvocati Giuseppe ed Andrea Crescimanno.

La scomparsa di Mauro De Mauro

Quello della scomparsa del giornalista è un giallo mai risolto: tra le piste seguite negli anni dagli inquirenti c’è stata anche quella mafiosa. Il boss Totò Riina venne processato e assolto dall’accusa di omicidio. Gli investigatori hanno a lungo scandagliato l’ipotesi che De Mauro, che collaborava alla realizzazione del film di Rosi sulla morte di Enrico Mattei, ne avesse scoperto movente e autori e che per questo fosse stato ucciso da Cosa nostra, esecutrice materiale di un delitto voluto da altri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.