Crisi di Governo: Conte si dimette, Mattarella si riserva la decisione

Consultazioni al via il 27 gennaio. Conte, dopo essersi dimesso, è giunto a Palazzo Giustiniani per incontrare la Presidente del Senato, Casellati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è giunto alle 12:03 al Palazzo del Quirinale, dove è stato ricevuto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il presidente del Consiglio ha lasciato il Palazzo del Quirinale – dove ha consegnato le sue dimissioni nelle mani del Capo di Stato – a mezz’ora dal suo arrivo.

Mattarella si riserva la decisione

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Avv. Giuseppe Conte, il quale ha rassegnato le dimissioni del Governo da lui presieduto.

Il Presidente della Repubblica si è riservato di decidere e ha invitato il Governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti. Le consultazioni avranno inizio nel pomeriggio di domani, mercoledì 27 gennaio. Il calendario delle consultazioni sarà reso noto attraverso l’Ufficio Stampa, si legge nella nota stampa del Quirinale.

Conte, dopo essersi dimesso al Quirinale, è giunto a Palazzo Giustiniani per incontrare la Presidente del Senato, Elisabetta Casellati.

Consiglio dei Ministri

Durante l’ultimo Consiglio dei ministri, iniziato questa mattina poco dopo le 9 e durato circa mezz’ora, il presidente del Consiglio ha comunicato la decisione di recarsi al Quirinale per rassegnare le dimissioni. I capi delegazione della maggioranza, Bonafede per il M5S, Franceschini per il Pd e Speranza per LeU, hanno ribadito il loro sostegno a Conte. Meno netta la posizione del centro-destra. “Ringrazio ogni singolo ministro per ogni giorno di questi mesi insieme”, ha detto Conte in Cdm e ha rimesso il suo mandato nelle mani del presidente Mattarella.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.