Covid: il direttore dell’Oms, Tedros Ghebreyesus, è in auto isolamento

Ghebreyesus è entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19. Sembra che anche il principe William sia stato contagiato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:40
Il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus

Il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha annunciato di essersi messo in auto isolamento dopo essere entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19.

Ghebreyesus ha specificato di non avere sintomi della malattia. “Sono entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19 – ha twittato -. Sto bene e non ho sintomi, ma nei prossimi giorni sarò in quarantena, in linea con i protocolli dell’OMS, e lavorerò da casa”.

“Io e i miei colleghi dell’Oms ci impegniamo con i partner internazionali per salvare vite umane e proteggere i vulnerabili. Insieme! È di fondamentale importanza che tutti rispettiamo le linee guida sulla salute. In questo modo spezzeremo le catene di trasmissione del COVID19, sopprimeremo il virus e proteggeremo i sistemi sanitari”, ha poi aggiunto.

Il principe William positivo?

Ghebreyesus non è l’unico personaggio ‘famoso’ ad essere stato colpito, seppur indirettamente, dal virus. Sembra che anche il principe William sia stato contagiato in aprile, ma che la cosa venne tenuta segreta.

Lo ha rivelato una fonte di Kensington Palace citata sia dalla Bbc sia dal Sun, mentre il palazzo reale si è finora rifugiato dietro a un No comment. Il contagio avvenne più o meno nello stesso periodo di quello di suo padre Carlo, che invece lo rese noto pubblicamente. A decidere per la riservatezza nel caso di William – afferma la fonte – fu lo stesso duca di Cambridge, 38 anni, sostenendo di non voler  “allarmare la nazione” ulteriormente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.