Gualtieri assicura: “Risorse e aiuti finché serve”

Si rifanno i conti della manovra, allo studio più fondi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:18
Gualtieri
Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, ha partecipato con il Premier, Giuseppe Conte, all'incontro a Palazzo Chigi con una delegazione dell'Anci guidata dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, Roma, 27 novembre 2019. ANSA/FILIPPO ATTILI/US PALAZZO CHIGI ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

“Una nuova stretta è necessaria per domare il virus e il governo non farà mancare adeguato supporto a lavoratori e imprese’, dice il ministro dell’Economia Gualtieri, rassicurando sulla disponibilità della risorse necessarie. Il calo del Pil a -9%, dice, si potrà confermare anche di fronte a un quarto trimestre molto negativo, anche se si passasse dal moderato +0,4% indicato meno di un mese fa a un -4%. Intanto, i tecnici sono al lavoro per rifare i calcoli della manovra e cercare più risorse per le misure contro gli effetti dell’epidemia.

Nuovi casi in calo, ma il rapporto con i tamponi è al 16,3%

Intanto c’è un leggero calo dei i nuovi casi di Covid in Italia (29.907 contro 31.758 del precedente rilevamento), ma oltre 30mila tamponi in meno. Il che porta il rapporto positivi-tamponi al 16,3%. L’incremento dei morti è di 208 in 24 ore. I pazienti in terapia intensiva sono aumentati di 96, portando il totale a 1.939; 936 i nuovi ricoverati in ospedale (18.902 in tutto).

Coprifuoco e over 70, braccio di ferro tra governo e regioni

Braccio di ferro governo e Regioni sulle misure dell’atteso nuovo Dpcm. I governatori hanno chiesto regole nazionali, mentre Conte punta a stabilire delle “zone rosse” in base alla diffusione territoriale del virus indicata dall’indice Rt. Tra le misure sul tavolo si ricorda il coprifuoco alle 21.00, le limitazioni per gli over 70, l’interruzione della mobilità tra le Regioni (salvo ragioni di lavoro) e chiusura dei centri commerciali nei weekend. In mattinata una nuova riunione tra Conte e i capi delegazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.