Covid: i dati del Ministero della Salute

Stabile il numero dei nuovi positivi al Covid, calano le vittime. Rezza: in Italia campagna vaccinale di successo rispetto ad altri Paesi Ue

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59

Sono 6.764 le persone che sono risultate positive i test Covid nelle ultime 24 ore, numero identico a quello della giornata del 5 novembre. Sono, invece, 31 le vittime, in calo rispetto a ieri quando ne erano state registrate 51. Sono i dati che emergono dal bollettino diffuso dal Ministero della salute, riguardante l’andamento epidemiologico in Italia.

I dati

Gli attualmente positivi al Covid sono 93.693, 3.337 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.802.225, le vittime 132.365. I dimessi e i guariti sono invece 4.572.775, con un incremento di 3.392 rispetto a ieri.

I tamponi

Nelle ultime 24 ore, nel nostro Paese, sono stati eseguiti 491.962 tamponi molecolari e antigenici, leggermente in calo rispetto a ieri quando ne sono stati eseguiti 543.414. Il tasso di positività è all’1,37%, in leggero aumento rispetto all’1,2% di ieri. Sono invece 392 i pazienti in terapia intensiva in Italia, tre in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 23. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.173, ovvero 49 in più rispetto a ieri.

Evitata una nuova ondata

Abbiamo evitato grazie alle misure di prevenzione e adesso ai vaccini la grande ondata, quella che avrebbe saturato gli ospedali, li avrebbe congestionati, avrebbe fatto molti morti non solo a causa del Covid direttamente”, ha detto Giovanni Rezza, direttore generale della prevenzione al ministero della Salute, nel corso del suo intervento al Festival della Scienza Medica a Bologna. Rezza, inoltre, ha affermato che nel nostro Paese c’è stata una “campagna vaccinale veramente di successo”, tra i diversi Paesi europei, ad esempio, “siamo andati meglio della Germania”. “Mediamente – ha aggiunto Rezza – le coperture sono piuttosto elevate ci avviciniamo al 90% di persone” che hanno ricevuto la prima dose di vaccino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.