Com. Papa Giovanni: “Bene stop armi Arabia, ora un Ministero della Pace”

Ramonda: "Accogliamo con grande soddisfazione la decisione del Governo di revocare, e non solo sospendere, l'esportazione di armi usate per la guerra in Yemen"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14
Yemen
Guerra in Yemen

“Accogliamo con grande soddisfazione la decisione del Governo di revocare, e non solo sospendere, l’esportazione di armi usate per la guerra in Yemen. Ora l’Italia non è più complice del massacro degli oltre diecimila civili morti nel conflitto. Un risultato frutto di un lungo e tenace lavoro delle associazioni, dei parlamentari delle Commissioni Esteri e del Ministero degli Esteri”. E’ quanto dichiara Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovani XXIII in merito alla revoca delle autorizzazioni per l’esportazione di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti usate nella guerra in Yemen.

“L’attuale crisi di governo può aprire delle opportunità – continua Ramonda -. In questo momento in cui il Paese deve mettere in atto ogni sforzo per ricomporre i conflitti sociali e politici acuiti dalla pandemia, auspichiamo che nell’agenda politica del governo che si formerà ci sia l’istituzione del Ministero della Pace. La Pace va sostenuta, curata, pianificata e organizzata”.

La Comunità Papa Giovanni XXIII promuove, insieme ad un cartello di associazioni, la campagna “Ministero della Pace, una scelta di Governo”. La proposta ha l’obiettivo di far istituire nel prossimo Governo, per la prima volta in Europa, un Ministero che si occupi delle politiche di Pace, sia in Italia che all’estero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.